IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Atletico Madrid-Milan, tutti pazzi per Zlatan Ibrahimovic

Zlatan Ibrahimovic esulta con i compagni dopo il gol segnato alla Roma.

Mancano poche ore alla sfida tra Atletico Madrid e Milan. Parole di stima per Ibrahimovic, da Milano fino in Spagna.

Redazione Il Milanista

Ci siamo. Mancano poche ore all’inizio di Atletico Madrid- Milan. C’è molta attesa per questo big match, perché decreterà ufficialmente chi passerà agli ottavi e chi no. In casa Milan c’è la volontà di fare tutto il possibile e tentare di strappare un biglietto utile per la qualificazione. I rossoneri molto probabilmente non avranno tra i titolari Zlatan Ibrahimovic. L’attaccante dovrebbe partire dalla panchina, per poi subentrare solo a gara in corso. Nonostante la sua dubbia presenza, sono in molti a essere innamorati del numero 11 rossonero. Primo tra tutti Brahim Diaz.

Il giocatore classe 1999 si allena con i rossoneri e cerca di prendere molti insegnamenti dal maestro. Intervistato da El Paìs, il centrocampista ha dichiarato: "Vorrei avere la sua capacità di segnare e di capire il calcio come fa lui con la sua esperienza. Sa sempre dare il consiglio giusto e indica già prima dove andrà il pallone. E' un attaccante completo, imprevedibile: può segnare in ogni modo. E in area di rigore, comanda lui". Il numero 10 del Milan ha poi detto la sua sulla gara con l’Atletico Madrid. C’è ancora la possibilità di qualificarsi: "Matematicamente possiamo qualificarci, ci è mancata un po' di fortuna che in Champions ci serve sempre. Contro il Liverpool in casa abbiamo giocato bene. All'andata con l'Atletico abbiamo fatto una grande gara; stasera dobbiamo scendere in campo giocando come sappiamo e portando a casa la vittoria".

Non è il solo ad aver parlato di Ibra. José Gimenez, difensore dell'AtleticoMadrid, ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport. Ecco le sue parole sullo svedese: "L’età mente. Io sono sempre stato precoce nel calcio e sono cresciuto ripetendo che non si gioca con la carta d’identità in mano. Ibrahimovic è un giocatore in condizioni fisiche perfette ed è fondamentale per il Milan, lo sappiamo molto bene. Il suo livello attuale non mi sorprende perché è il riflesso di una carriera straordinaria".