Buffon punge Bonucci: “Con lui prendemmo 3 gol in 27 minuti”

Dopo il 2 a 3 in casa del Genoa, il capitano della Juventus rammenta l’ultima prestazione bianconera in casa rossoblu quando in campo c’era l’attuale difensore del Milan…

di Redazione Il Milanista

MILANO – L’addio di Leonardo Bonucci alla Juve per abbracciare i colori rossoneri ha fatto tanto discutere, e restano dubbi anche sui rapporti con i suoi ex compagni bianconeri. bonucci milanEppure qualche segnale positivo è arrivato ai social, quando ad esempio Gianluigi Buffon fu il primo a salutare Bonucci al momento del passaggio al Milan. O ieri, quando il nuovo capitano del Milan non ha resistito e ha messo like al portiere bianconero su Instagram e alla foto che ritrae il suo premio come miglior portiere della scorsa Champions League, quella che ha sancito probabilmente la rottura del difensore con l’ambiente juventino. Una dimostrazione di affetto importante, seppur attraverso il social,  che dimostra come due campioni come Buffon e Bonucci siano rimasti uniti al di là di ogni polemica di mercato fra bianconeri e rossoneri.

Eppure, al di là dei gesti di affetto, nei fatti ieri lo stesso portiere bianconero non le ha mandate a dire all’ex compagno o, ancora meglio, a tutti quelli che vedono la Juve indebolita dall’addio del difensore.

 

Buffon ribadisce: la Juve non si è indebolita

 

E quindi ora la Juve può farcela anche senza Bonucci. Anzi, secondo Buffon non era poi così fondamentale: “Io sono sempre sincero, lo sapete, ma pure critico quando le cose non vanno bene – ha ribattuto Buffon nel post partita col Genoa, dove hanno subito ben 2 gol – . Quando si parla di difesa, come ho sempre detto, si parla di fase difensiva ed io ho sempre ringraziato chiunque si sbattesse per difendere: non difendono solo i difensori però, difende tutta la squadra, quindi torneremo ai nostri livelli quando tutta la squadra troverà il suo equilibrio”.

Ma non è tanto velato quando ricorda la scorsa stagione, quando la Juve perse 3 a 1 proprio contro il Genoa: “Comunque, lo ricordo, un anno fa prendemmo tre gol in ventisette minuti ed allora c’era pure chi se n’è andato quest’anno. Quando non c’è equilibrio rischi di essere perforabile”.

Seguici anche su Telegram. clicca qui e scopri come

3

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy