IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

stagione

Fiorentina-Milan: top e flop

Milan, l'esultanza di Calhanoglu e dei rossoneri a Firenze

Grande partita di Ibra. Male Diogo Dalot.

Redazione Il Milanista

MILANO - Con il 3-2 rifilato alla Fiorentina in questa ventinovesima giornata di Serie A, il Milan ritrova il sorriso e la vittoria, salendo a quota cinquantanove punti in classifica. La compagine meneghina si mette alle spalle l'eliminazione dall'Europa League e riprende la propria marcia in campionato, riuscendo anche a sfruttare il passo falso della Juventus, battuta oggi pomeriggio dal Benevento. Il Diavolo si porta così a più quattro sulla squadra di Andrea Pirlo, in attesa che venga recuperata la sfida contro il Napoli. Un successo, quindi, di capitale importanza, firmato dalle reti di Ibra, Brahim Diaz e Calhanoglu, che permette alla banda Pioli di andare alla sosta nel migliore dei modi.

TOP - E' proprio Zlatan Ibrahimovicil migliore in campo tra le fila rossonere. Era dallo scorso 28 febbraio che il centravanti svedese non giocava dal primo minuto e il Milan ha tremendamente sofferto la sua assenza. Non è un caso che sia proprio lui ad aprire i giochi dopo nove minuti, insaccando il pallone a tu per tu col portiere avversario. E' sempre Ibra a sfiorare il secondo gol rossonero, al trentaquattresimo, con un tocco sotto che si stampa sulla traversa. Nella ripresa subisce un calo fisiologico, ma la prova nel complesso è di altissimo livello e la sua presenza è semplicemente fondamentale per la squadra.

FLOP - Prestazione da dimenticare per Diogo Dalot, per distacco il peggiore in campo. Inizia malissimo la partita, soffrendo parecchio le incursioni di Castrovilli. E' proprio su quest'ultimo che il terzino portoghese commette il fallo da cui nasce la punizione trasformata da Pulgar. Il rendimento di Dalot, tuttavia, non cresce neppure col passare dei minuti. E' lui l'anello debole della retroguardia rossonera: va costantemente in confusione e non riesce a dare un contributo significativo neppure in fase offensiva.

 Zlatan Ibrahimovic, centravanti svedese classe 1981 in forza al Milan

Potresti esserti perso