IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Kalulu: “Milan grande club ma cosa avrei fatto se fossi rimasto a Lione?

PierrPierre Kalulu, difensore del Milan

Il giovane terzino del Milan e dell'Under 21 francese ha rilasciato un'intervista ai microfoni di Emile Gillet, per il portale sofoot.com.

Redazione Il Milanista

Il terzino del Milan e dell'Under 21 transalpina Pierre Kalulu ha rilasciato un'intervista ai microfoni del portale sofoot.com. Ecco le parole del rossonero al sito:

Nella tua ultima partita contro il Genoa sei partito dalla parte destra. Poi Simon Kjær si infortuna e tu scivoli in asse. Ma qualche settimana prima, contro l'Inter, giocavi a sinistra. Allora qual è il tuo lavoro? -  "Questa è davvero la domanda giusta. Onestamente, dipende dalla squadra per cui gioco. Al Milan, finché sono in campo, per me va bene perché è un grande club. In effetti, non mi definisco per il mio lavoro. Piuttosto, sono gli allenatori che definiscono la mia posizione. Alcuni mi preferiscono a destra, altri in asse. Finché è in campo, per me va bene. (Ride.)"

I tuoi due allenatori, Stefano Pioli (a Milano) e Sylvain Ripoll (nella selezione U21) condividono la stessa visione? - "No, come ogni allenatore, hanno una visione precisa. Per Pioli la squadra deve essere buona in fase difensiva, ma il mio ruolo in attacco dipende dalla mia altezza in campo. Quando sono molto alto posso fare l'attaccante. Questo cambia la nostra visione un po' francese della squadra che deve essere in posizione difensiva. Non ce l'ho più con Ripoll. Anche se abbiamo spesso la palla, enfatizza molto di più l'aspetto difensivo".

Concretamente, contro il Genoa, quando cambi posizione nel bel mezzo di una partita, ricevi istruzioni o sai in anticipo come adattare il tuo gioco e il tuo comportamento? - "Ricevo più istruzioni da una squadra perché influenzerò l'aspetto offensivo del gioco. Devo guardare il movimento dei miei compagni di squadra, andare in questa zona piuttosto che nell'altra, fare una chiamata del genere, compensare in un posto simile. Al centro , sta più al feeling secondo l'attaccante che hai davanti. Ci sono dettagli che vengono scambiati tra gli scambi o dall'allenatore".

Vedi questa versatilità come un vantaggio o uno svantaggio? - "Un vantaggio, perché nel calcio moderno siamo molto mobili. Posso essere laterale e devo fare un intervento in asse e viceversa. Posso superare diversi problemi sul campo. Significa che ho qualità che cambiano dagli altri e che mi differenziano un po'. Viene anche dalla formazione del Lione, dove non siamo mai stati fissati in una posizione. Dovevi essere bravo ovunque con un alto livello di richiesta. Non sono mai stato addestrato per essere un difensore, anche se difendere con amore aiuta. Ci hanno insegnato ad essere ottimi giocatori di football, semplicemente. Ed è questo che fa la differenza".

Ci sono differenze tra lato sinistro e lato destro? - "Nel modo in cui giochiamo al Milan cambia. Il nostro gioco si sposta a sinistra, quindi non hai più soluzioni perimetrali piccole. A destra, queste sono gare più lunghe, dove sei solo e devi fare la differenza un po' da solo o in coppia. Per quanto riguarda il gioco, devi prendere una decisione in fretta, ma siamo qui per adattarci".

Il secondo gol contro il Genoa parte da questo lato destro proprio con una decisione veloce. Descrivi come è andata - "Inizia con un tocco. E per il piccolo aneddoto, l'allenatore mi critica spesso per non essere stato coinvolto abbastanza sui tasti. Insomma, lo faccio a Zlatan e chiedo di più in asse. Sappiamo quanto sia abile tecnicamente, quindi me lo dà come l'ala di un piccione. E a quel punto, è piuttosto difficile da spiegare. Quando vedo di nuovo l'azione, accade abbastanza rapidamente. Ma quando lo faccio, lo vedo svolgersi con un bel po' di tempo. Incateno in due o tre chiavi un comando in aria e lo sposto. Nella foga del momento, mi sono imbattuto in Brahim (Diaz), ha giocato su Rade (Krunić) e dopo che Messias è finito dietro. L'azione avviene abbastanza velocemente (dieci secondi, cronometro in mano, ndr), ma durante la partita, mi sembra che duri un minuto. È ripetendo questi movimenti che diventa naturale e un po' più semplice, anche se rimane difficile"

Quali qualità hai dovuto sviluppare per adattarti a questi cambiamenti di lavoro? - "Fondamentalmente, non avevo queste qualità di velocità, rilassamento e fisico. Ero basso di statura e dovevo compensare con la lettura del gioco, la tecnica del piede e la visione più veloce di altri. In seguito, sono cresciuto un po' tardi, ma velocemente, e queste capacità fisiche mi hanno permesso di espandere il mio gioco ed essere il più completo possibile. A Milano mi rendo conto che è la mia capacità di ripetere gare lunghe e ad alta intensità che aiuta la squadra. Ho cambiato un po' il modo in cui guardo il mio calcio. Quello che cerco oggi è diventare il difensore più completo. Il punto è che quando pensi a una posizione, pensi a me"

Una delle filosofie di Pioli è il lavaggio a secco fisicamente impegnativo. Hai qualche consiglio per gestirlo al meglio? - "Già, chiede molto in allenamento. Appena arrivato mi sono ritrovato con dei punti laterali, mentre all'inizio ero tosto e fisicamente pronto. Mi allenavo, tornavo a casa, dormivo, mangiavo, mi allenavo e tornavo a casa. (Ride.) È stato... wow, davvero intenso. Ero ancora più felice di iniziare la partita perché sapevo che non ci sarebbero stati allenamenti il ​​giorno successivo. In una partita, il modo più semplice è rimanere attivi. Mantenere sempre un ritmo ridotto ti impedisce di fare gare troppo grandi tutte in una volta. Ad esempio, un piccolo rimpiazzo eseguito facendo jogging per cinque metri, magari eviterai di fare la corsa dei 30 metri perché non eri in posizione quando l'avversario ti ha mandato la palla alle spalle. Magari prenderai palla e difenderai a dovere, ma queste sono gare che ti faranno male, e dietro, non avrai il succo per ricominciare in attacco. Dobbiamo essere nella deterrenza".

In attacco, appunto, combini spesso con Zlatan Ibrahimović. Come si comporta con i giovani come te? - "Nello spogliatoio è un bon vivant, un carrettiere. Dato che è il più grande, ha questo ruolo di mentore, anche se questa parola non mi piace molto. Ha l'esperienza per guidare. Quando sono arrivato, anche se non avevo mai giocato da professionista, è stato molto accogliente, mi ha dato molti consigli e mi ha fatto domande sulla mia vita personale, le mie aspettative, cosa volevo, anche se non aveva necessariamente a. È benevolo. In campo, scendiamo per vincere. Un passaggio mancato è uno di troppo, quindi può urlare. Ma come in ogni spogliatoio, vive. È un buon compagno di squadra".

Parli dei consigli che avrebbe potuto darti. Hai in mente qualcosa che ti ha segnato? -  "Su base giornaliera, quello che generalmente mi consiglia è di suonare velocemente, vedere più velocemente. Non ha senso divertirsi a portare la palla per portare la palla, per dimostrare che sei a tuo agio. Devi sempre avere un processo decisionale rapido e preciso. Se gioco veloce, ti do tempo. Avere un vantaggio e mantenere quella velocità, fa la differenza nel gioco"

Tu, lui e Olivier Giroud discutete di istruzioni specifiche sui cross? -  "Sì. Ad esempio, Olivier non ha le stesse aspettative di Zlatan, perché si pone in modo diverso. Olivier è uno che si muove un po' di più in zona, per andare al primo, secondo palo e che fa una vera richiesta. Mi dice dove vuole, parliamo, gli do anche il mio punto di vista. Zlatan potrebbe muoversi un po' meno. È più palla sul secondo palo, o quando atterra in appoggio e io corro dietro".

Da giovane, sei stato spesso un capitano, il che riflette carattere e senso di leadership. Come lo usi in uno spogliatoio con nomi come quello di Zlatan dove hai tutto da dimostrare? - "È vero che ho avuto questa leadership a Lione nelle categorie giovanili. Ma questa non è leadership con la parola. Mostro quello che devo mostrare in campo e dietro ho un atteggiamento che rassicura gli altri, parlando solo quando è necessario parlare. La gente mi ascoltava con naturalezza, ecco perché avevo la fascia da braccio. Ovviamente, quando arrivi in ​​uno spogliatoio del genere, hai un ruolo diverso. Come ovunque, devi dimostrare sul campo quanto vali. È così che otterrai questo riconoscimento dagli altri. Oggi non mi viene chiesto di essere un leader, ma di rassicurare con i miei servizi. Se ci rivedremo tra un anno o due, forse quello a parlare negli spogliatoi sarò io. Ma passa attraverso buone prestazioni prima".

Tra la tua generazione tra i giovani di OL, Melvin Bard, Amine Gouiri e tu non ci sei più. Cosa ha motivato la tua partenza? - "Quello che ha pesato nella mia decisione è stato il fatto che non avrei giocato. A volte mi chiedo dove sarei oggi se fossi rimasto all'OL. Ma dopo passa. Pensavo, o ero sicuro, di avere le qualità per esprimermi. Dopo c'è stato un contesto sanitario difficile, ma è così... Il Milan è il tipo di grande club che ogni giocatore piccolo cerca. Quando giochi grandi partite in Francia, è per entrare in questo tipo di istituzione. C'era anche la questione di fare definitivamente il grande passo. Mi chiedevo se ero pronto o no, e sentivo di esserlo. Allora perché aspettare ed essere al buio?"

Hai due fratelli maggiori in pro (Aldo e Gédéon, a Sochaux e Ajaccio), il tuo personaggio viene da questo retaggio familiare? - "Nella regione di Lione, avere due fratelli maggiori che giocavano per l'OL, ti ha fatto pensare inconsciamente: “Oh sì, è un Kalulu, quindi dovrebbe essere forte. " Quando sono entrato in campo, giocavo per me stesso, ma rappresentavo come un nome. È certo che oggi si fa sentire e mi facilita il lavoro".

Nonostante questa pressione, hanno una preziosa esperienza. Che tipo di consigli ti danno? - " Essere in orario! (Ride.) La cosa più significativa è stata dopo il Torino in questa stagione. Avevo giocato 45 minuti e l'allenatore mi aveva tolto per un giallo. I miei fratelli mi hanno chiesto come stavo, ho detto che stavo bene, ma pensavano che fossi stanco. In effetti, ne ho tenuti alcuni sotto i piedi per il secondo periodo. Il loro consiglio è che a questo livello non posso permettermi di tenerlo sotto i piedi. In un senso più ampio, prendi tutto quello che devi prendere, non lasciarne mai, e dai quello che hai da dare perché dopo hai solo rimpianti. Quella partita, ero disgustato, oltre la mia fame, frustrato. Dici a te stesso "accidenti, se...", e quando i "se" iniziano a verificarsi, entri in una brutta spirale".

Infine, la spirale è abbastanza buona. Più di un anno dopo, vai in cattedra. Pensavi di arrivare a questo livello così velocemente? - "(Ridendo.) Ad essere sincero, pensavo di arrivarci prima. L'adattamento è stato buono, ma le partite sono arrivate in ritardo. Da un punto di vista mentale mi ha fatto lavorare perché lasciavo l'OL dove giocavo tante partite a stagione. I primi quattro, cinque mesi senza mangiare, mi hanno messo alla prova. A distanza di un anno, dopo una prima stagione da professionista, possiamo dire di essere sulla strada giusta. Pensavo di arrivarci un po' prima, ma è successo comunque. Le cose buone arrivano a coloro che aspettano."

A Milano sappiamo aspettare, visto che l'ultimo scudetto risale al 2016. Per ora il club è primo in Serie A e può qualificarsi per l'ottavo di Champions League in quest'ultima partita contro il Liverpool. Quali sono gli obiettivi? - "Quando ho firmato nel 2020, erano nei guai. E poi c'è stata la striscia di dieci vittorie consecutive. Ovviamente mi ha bloccato le possibilità, ma è positivo giocare in una squadra forte. Oggi Milano è guardata e valutata nel suo vero valore. L'obiettivo è vincere trofei perché, come dicono i più grandi negli spogliatoi, è quello che resta a fine carriera. Che, d'altra parte, non so. Personalmente si tratta di giocare più partite possibili, per continuare con la Nazionale e per il Milan. E poi la salute è importante!". Dopo l'eliminazione in Champions la delusione è cocente, ma i commenti dei tifosi sono uno spasso: "Adesso entra l'asilo, Ibra a Sanremo"<<<