IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Cerruti: “È la sconfitta dei nerazzurri, non la vittoria del Milan”

MILAN, ITALY - JANUARY 13: Stefano Pioli, Head Coach of AC Milan, celebrates with his players at the end of the Coppa Italia match between AC Milan and Genoa CFC at Stadio Giuseppe Meazza on January 13, 2022 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Alberto Cerruti ha rilasciato una dichiarazione sul derby di sabato pomeriggio. Ecco le sue dichiarazioni sul Milan.

Redazione Il Milanista

Sono passati due giorni dal derby di Milano, ma si continua a parlare di quanto successo sul campo di San Siro. A dominare la partita sono stati i nerazzurri, passati in vantaggio durante il primo tempo. La situazione è rimasta invariata fino al 75esimo minuto, quando Olivier Giroudha firma il pareggio e dopo tre minuti ha addirittura portato il Milan in vantaggio. I rossoneri battono in rimonta i cugini, cosa che non succedeva dal febbraio 2004. Grande reazione dei diavoli che hanno saputo sfruttare due occasioni d’oro.

C’è chi ritiene che non si debba parlare di vittoria del Milan, ma di sconfitta per i nerazzurri. Di questa opinione è Alberto Cerruti, opinionista sulle frequenze di Radio Anch’io Sport. Ecco le sue dichiarazioni sul derby della Madonnina di sabato: “È la sconfitta dell’Inter prima ancora della vittoria del Milan. L’Inter ha buttato via una vittoria dopo aver dominato, i cambi di Inzaghi sono stati decisivi. Non basta giocare bene e si devono sfruttare le occasioni avute. La squadra più forte resta l’Inter, che può solo buttare via questo scudetto come ha buttato via il derby. Il Milan ha l’allenatore migliore”.

Cerruti ha poi commentato la vittoria del Napoli, tornato prepotentemente nella corsa scudetto: “Il Napoli è tornato, ha vinto a Venezia con le stesse difficoltà dell’Inter. Una squadra che ha ritrovato Osimhen, ritroverà Koulibaly campione d’Africa, è un Napoli in piena corsa per lo scudetto”.

In conclusione l’opinionista ha parlato della lotta scudetto: “Per lo scudetto non credo ci sia anche la Juve, perché sono troppi i punti che la separano con l’Inter. Il quarto posto è il traguardo minimo per la Juventus, se non addirittura terzo posto. Sarà decisivo lo scontro diretto contro l’Atalanta in programma domenica. Allegri ha pagato colpe non sue, la Juventus darà filo da torcere a chiunque”.