IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Milan, Donnarumma orgoglioso del premio Yashin: la reazione sui social

Gigio Donnarumma si allena con la Nazionale italiana.

Ecco la reazione di Donnarumma dopo la vittoria del premio Yashin come miglior portiere. Ringraziamenti anche al Milan.

Redazione Il Milanista

Ieri sera a Parigi è andata in scena la cerimonia per la consegna del Pallone d’Oro 2021. A trionfare il solito Leo Messi, arrivato a quota 7 trofei. Grande soddisfazione anche per Gianluigi Donnarumma, arrivato al decimo posto nella classifica del Pallone d’Oro e vincitore del premio Yashin come miglior portiere. In conferenza stampa, l’ex portiere rossonero ha rilasciato queste dichiarazioni: I miei ringraziamenti vanno a tutte le persone che hanno lavorato con me. A partire dal settore giovanile del Milan, al Milan, al PSG dove mi trovo in questo momento. E a tutti gli allenatori, è anche merito loro se mi trovo qui stasera a ricevere questo premio importante. Sono davvero orgoglioso perché so quanto ho lavorato. Questo premio è motivo di tanto orgoglio”.

Ai microfoni di SportMediaset ha poi dichiarato: "È stato un anno incredibile per me, a partire dalla qualificazione in Champions con il Milan, poi gli Europei con cui abbiamo dato gioia a tutti gli italiani e a noi stessi. È stata un'emozione indescrivibile. E poi era destino che passassi al Psg, perché questo club mi seguiva da anni. Ringrazio il presidente e il direttore per la fiducia che mi ha dato e mi stanno dando. Spero di ripagarli sul campo. Spero di vincere tanti trofei con questa maglia".

Un grande riconoscimento per un grande giocatore, perché non è da tutti ricevere il premio come miglior portiere a soli 22 anni. Il trofeo Yashin si aggiunge a quello come Miglior Giocatore degli Europei 2021. Il numero 21 della Nazionale Italiana ha poi festeggiato il riconoscimento sui suoi canali social. Su Instagram ha pubblicato una foto che lo ritrae con il trofeo in mano. Ecco il suo commento, con un occhio alle prossime sfide. Sì perché Donnarumma non ha certo intenzione di fermarsi proprio sul più bello.