IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Dicono di M…ilan – Le parole del 16 marzo

Il pallone della Serie A 2020/21

Ecco le parole del giorno

Redazione Il Milanista

MILANO - Dicono di Milan, la rubrica de IlMilanista.it che raccoglie le parole sul mondo Milan.

Dicono di M...ilan - Le parole del giorno

JAN ANDERSSON IN CONFERENZA STAMPA - "Abbiamo avuto un’ottima conversazione quando ci siamo incontrati a novembre.  Ora Zlatan è stato infortunato, ma è recuperabile e ho deciso di chiamarlo. Sono davvero felice che sia qui. Se ci sarà agli Europei? Dato che fa parte della rosa, sarà importante anche per questa competizione. Ha detto sì al ritorno, quindi sarà incluso anche per gli Europei”.

ZLATAN IBRAHIMOVIC SU INSTAGRAM - "Il ritorno di Dio". Il post completo:

LUCA CUDINI A SKY SPORT - "Ibra quando non c'è manca sempre, anche se la squadra in passato ha fatto buone prestazioni senza di lui. Ha fisicità, permette alla squadra di salire, ha i colpi da grande campione. Sapevo che avrebbe aiutato una squadra così giovane, ho pensato potesse facilitare la crescita dei giovani per avere questa mentalità".

 Zlatan Ibrahimovic infortunato sulle tribune del "Bentegodi" di Verona

OSCAR DAMIANI A RADIOMARTE - "Milan-Napoli? Gli azzurri hanno meritato, le critiche forse sono state troppo esagerate. Il Milan era un po' rimaneggiato e sul piano atletico ha pagato la partita di Manchester. Però il Napoli ha meritato, bisogna proseguire su questa strada".

ANGELO CERVELLERA A REPLAY - "Non mi sembrava la partita più adatta per fare la rotazione tra gli arbitri. Potevano farla con l'Udinese, ma comunque ci poteva pure stare. La prestazione di Pasqua la volevo incorniciare quando lui è caduto dopo il fallo di Theo. Si è dimostrato titubante, sin dall'inizio. Ha invertito parecchi falli, facili anche da percepire. In tutto l'arco dei novanta minuti ha lasciato spazio alle indecisioni e alle incertezze. La partita, di mano, la perde al trentesimo quando non da un giallo a Demme, abbastanza facile. A seguire, poi, tutti i giocatori dicevano la loro e le panchine protestavano per tutta la garaIn live sembrava che Theo avesse accentuato, ma quando vai al Var quello è calcio di rigore. Theo Hernandez anticipa Bakayoko, che poi lo colpisce".

 L'arbitro Fabrizio Pasqua della sezione di Tivoli

MATTEO MARANI A SKY SPORT - "È successo anche ad altre squadre di aver preso giocatori che non sono stati utilizzati per problemi fisici. Tomori è stato un grandissimo inserimento, Meité è in crescita, Mandzukic è mancato. È stato preso con la speranza di utilizzarlo in questi tre mesi per provare a chiudere al vertice la stagione. Il tema centravanti sarà centrale nel prossimo mercato del Milan. Bisogna scegliere e capire come impiegare Ibra, quante partite farà l’anno prossimo? Ci vuole un centravanti alternativo ad Ibra che accetti di essere complementare e che quando viene chiamato in campo segni, cosa che non sta riuscendo in questo momento a Leao: giocatore di grande talento ma pecca in fase realizzativa".

ALESSANDRO BONAN A SKY SPORT - "A livello di caratteristiche di squadra, forse il Milan si trova meglio a giocare contro il Manchester United piuttosto che col Napoli, che ha sorpreso i rossoneri sul piano del palleggio. Il Milan ha gli strumenti di gioco, anche col Napoli lo ha dimostrato in certe circostanze. Leao mi fa arrabbiare perché capisco che ha numeri fuori dalla norma ma mi sembra preso dalle sue titubanze e timidezze. Ha bisogna anche di trovare quella sostanza che Ibrahimovic era riuscito a dare".

CHRISTIAN ERIKSEN A TV2 SPORT - "Simon Kjaer mi ha aiutato quando sono arrivato in Italia. Ovviamente gioca nel club sbagliato, ma dopotutto è nella città giusta. È uno con cui gioco da molti anni e lo conosco molto bene personalmente fuori dal campo. Anche le nostre famiglie si stanno divertendo molto insieme. Quindi mi ha aiutato tanto ad abituarmi al campionato".

ANTONIO CASSANO A BOBO TV - "Giocare nel Brescia è una cosa, giocare nel Milan è un'altra. Ho sempre detto che Tonali mi piaceva, ma non mi esaltava. Un conto è lottare per salvarti, un altro indossare una maglia pesante come quella rossonera".

 Antonio Cassano, ex giocatore di Roma, Real Madrid, Samp, Milan, Inter e Parma

Potresti esserti perso