Coppa Italia, Inter-Milan: le pagelle di Tiziano Crudeli

Ecco i voti dei giocatori rossoneri

di Redazione Il Milanista
pagelle-crudeli

MILANO – Il Milan ha perso il derby di Coppa Italia per 2-1, facendosi rimontare dopo il vantaggio siglato da Ibra. Una sconfitta che costa alla squadra di Stefano Pioli l’eliminazione dal torneo. Di seguito, le pagelle dei giocatori rossoneri.

Tatarusanu 7 – E’ per distacco il migliore in campo. Con le sue parate tiene a galla la squadra, almeno fino alla punizione di Eriksen su cui non può nulla.

Diogo Dalot 5.5 – Soffre molto le incursioni di Ivan Perisic sulla fascia e non riesce mai a proporsi in avanti.

Kjaer 6 – La sua partita dura pochi minuti. Dopo poco più di un quarto d’ora è costretto ad uscire per infortunio.

Romagnoli 6.5 – Partita attenta e senza particolari sbavature. Uno dei più positivi.

Theo Hernandez 5.5 – Nessuna scorribanda questa sera. Nella ripresa, così come tutti i suoi compagni, soffre l’assedio interista.

Kessié 5.5 – Prestazione sottotono. Combatte moltissimo, ma corre spesso a vuoto ed è spesso impreciso con la palla tra i piedi.

Meité 5.5 – Inizia la partita in maniera piuttosto timida. Cresce col passare dei minuti e serve a Ibra l’assist per il gol del momentaneo 1-0. Al 95′ commette il fallo che permette all’Inter di battere la punizione che decide la partita in favore dei nerazzurri.

Saelemaekers 5 – Si vede poco o nulla. Evanescente.

Brahim Diaz 5 – Dovrebbe conferire qualità alla manovra offensiva, ma non ci riesce praticamente mai. Viene giustamente sostituito nella ripresa.

Rafael Leao 4 – Impalpabile in attacco, disastroso in difesa: è suo il fallo che provoca il rigore per l’Inter.

Ibrahimovic 5.5 – Fa tutto lui. Segna, sfiora la rissa con Lukaku e si fa espellere per un fallo senza senso a oltre mezzora dal termine: ingenuità che pesa moltissimo.

Tomori 6.5 – Entra dopo diciassette minuti al posto dell’infortunato Kjaer e si mette in marcatura su Sanchez, mostrando subito temperamento e aggressività. Ad inizio secondo tempo evita il gol nerazzurro opponendosi a Lukaku con un grandissimo intervento.

Rebic 5 – Fa il suo ingresso a venticinque minuti dalla fine, in una situazione molto complicata. Non tocca quasi mai il pallone.

Pioli 5.5 – Le assenze di Calhanoglu e Bennacer inevitabilmente pesano molto, ma la prova complessiva della squadra non è sufficiente. L’unico tiro in porta è il gol di Ibra. Troppo poco.

>> E intanto Elliott vuole sognare in grande, tra Champions e Scudetto: arriva il sì definitivo per tre grandi colpi a gennaio! <<<

Ibrahimovic e Lukaku
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy