Serie A, Napoli pronto a fare ricorso

Le parole dell’avvocato del club azzurro

di Redazione Il Milanista
Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis

MILANO – Ieri sera la sfida fra Juventus e Napoli non si è disputata, poiché la squadra partenopea, su indicazione della ASL Campania, non è partita per Torino e dovrà rimanere due settimane in quarantena per via di tre casi di positività al Covid-19 all’interno del gruppo squadra (due giocatori e un assistente di Gattuso). Di conseguenza, la partita è stata annullata e la palla ora passa al Giudice Sportivo che, salvo clamorosi colpi di scena, decreterà la vittoria a tavolino della Juventus e un punto di penalizzazione al Napoli. Tuttavia, il club azzurro è pronto a presentare ricorso, in quanto la mancata partenza per Torino è stata determinata non dalla propria volontà, ma da quella delle autorità sanitarie. Ai microfoni della Domenica Sportiva ne ha parlato direttamente Mattia Grassani, avvocato del Napoli.

Napoli

LE SUE PAROLE – “Questa vicenda non ha segnato una bella pagina di sport. Il Napoli ha chiesto semplicemente un rinvio, non voleva non giocare. Il 3-0 a tavolino è da verificare, perché non basta non presentarsi ad una gara. Qui ci sono comprovate questioni oggettive: la legge dello Stato prevale sui regolamenti sportivi. Riteniamo che si possa procedere al rinvio della gara in un momento successivo. Se dovesse arrivare il 3-0 a tavolino, con annessa penalizzazione, la società non accetterebbe in alcun modo un simile provvedimento, che sarebbe offensivo verso il comportamento pienamente ligio dei propri tesserati e ricorrerà sia alla Corte sportiva d’appello che al CONI, poiché una partita di calcio non può venire prima della salute di centinaia di persone”. Ma attenzione perché proprio poco fa è arrivata anche un’enorme indiscrezione totalmente a sorpresa per il mercato rossonero. Colpo di scena improvviso, botto last minute: la notizia è clamorosa! >>>LEGGI SUBITO LA NOTIZIA

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy