IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

senza categoria

acmilan.com | Rassegna stampa rossonera del 13 novembre 2021

La sciarpata dei tifosi del Milan

Ecco la rassegna stampa rossonera tratta direttamente dal sito del Milan, acmilan.com, di oggi 13 novembre 2021.

Redazione Il Milanista

Milan, la rassegna stampa del 13 novembre 2021

"Con la pubblicazione delle notizie nella rassegna stampa quotidiana, AC Milan non intende in alcun modo avallarne o confermarne la veridicità".

REBIĆ A TEMPO PIENO (Gazzetta dello Sport)

Rebić non é baciato dagli dei del calcio come Rafael Leão, ma ha una qualità utile in una squadra come il Milan, che produce grandi volumi di gioco. Ante é concreto, rabbioso a volte, e rapace. Averlo in squadra per Pioli fa tutta la differenza del mondo, anche perché il giovane portoghese finora ha giocato anche troppo.

PER REBIĆ LA SOSTA VALE ORO (Il Giorno)

Un ritorno importante quello di Ante Rebić. Il croato si gode la sua pausa per le nazionali nella calma di Milanello. Finora, per il croato, 11 presenze con due gol e altrettanti assist, un ottimo inizio di stagione fermato dalla botta alla caviglia rimediata lo scorso 16 ottobre in Milan-Verona 3-2.

MESSIAS IN GRUPPO (Gazzetta dello Sport)

Junior Messias vuole cominciare a fare finalmente sul serio a partire dalla ripresa del campionato: è infatti tornato ad allenarsi in gruppo e sta lavorando per essere a disposizione di Pioli nella trasferta contro la Fiorentina, il prossimo 20 novembre. Completato il percorso di riatletizzazione, Messias è tornato in gruppo da due giorni.

IL RITORNO DI MESSIAS (Corriere dello Sport)

Il Milan conta molto su Junior Messias per la ripresa del campionato e per il resto della stagione. Il brasiliano negli ultimi due giorni è tornato ad allenarsi con regolarità a Milanello insieme al resto della squadra dopo oltre un mese d'assenza, e ora va alla ricerca di quella continuità che non ha mai avuto fino ad ora.

GRANDE FEELING CON PIOLI (Corriere dello Sport)

Simon Kjær, dalla Danimarca, ha elogiato il mister rossonero ai microfoni di Tv2 Sport: "Pioli è un bravo allenatore e allo stesso tempo è anche una persona fantastica che si prende cura di tutti i suoi giocatori, creando una struttura a livello di squadra sia dentro che fuori dal campo", ha commentato il capitano della Danimarca.

VERSO IL MERCATO DI GENNAIO (Tuttosport)

Il Milan, soprattutto se non dovesse qualificarsi per la seconda parte delle coppe europee, è pronto a sfoltire almeno parzialmente il suo organico nel mercato di gennaio. Ad esempio Andrea Conti, potrebbe essere interessata la Sampdoria. Sempre destinazione Genova, ma al Genoa, potrebbe dirigersi Samu Castillejo.

UN GENNAIO COMPLICATO (Tuttosport)

Con Kessie e Bennacer in Coppa d’Africa, gli incastri possibili sarebbero: Tonali-Krunić, Tonali-Bakayoko e Krunić-Bakayoko. Spetterà a Pioli, di volta in volta, valutare quale soluzione adottare con un occhio a quello che accadrà durante le partite di Kessie, Bennacer e Ballo-Touré (più facilmente sostituibile con Kalulu).

TONALI, ELEGANTE E GAMBE A MILLE (Gazzetta dello Sport)

Gli azzurri sono già oltre il pareggio dell'Olimpico contro la Svizzera. Sandro Tonali è uno di quelli che potrebbe giocare da subito in Nord Irlanda perché ci mette 30 secondi a entrare in partita. Elegante, profondo, veloce, testa e gambe a mille. Poteva giocare con Locatelli, non rilevarlo.

TĂTĂ, UNA LEZIONE PER TUTTI (Sport Week)

Luigi Garlando: "La sua lezione, caro Tătă, vale per tutti: il passato non è una sentenza definitiva della Cassazione, è solo un primo grado di giudizio che possiamo ribaltare con il nostro talento e la nostra volontà. Anche a 35 anni. Alla prossima, lei tornerà a Firenze da titolare del Milan, primo in classifica. Se lo è meritato".

IBRA, DOPPIA MISSION IMPOSSIBLE (Gazzetta dello Sport)

Domani sera, a Siviglia, Ibra ha la "mission impossible" di trascinare la Svezia alla qualificazione diretta al Mondiale di Qatar 2022. Unico risultato a disposizione una vittoria contro la Roja di Luis Enrique. Un ulteriore intralcio sul percorso dell'altra "mission impossible" che lo aspetta: lo Scudetto da vincere col Milan.