IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

notizie

Pirlo: “Abbiamo giocato bene, pensiamo una partita alla volta”

Le parole dell'allenatore bianconero

Redazione Il Milanista

MILANO - Nel post partita di Milan-Juventus, il tecnico bianconero Andrea Pirlo è intervenuto ai microfoni di Sky Sport: "Era una partita importante per noi stessi, al di là di quello che hanno fatto le altre squadre. Abbiamo giocato bene, sono soddisfatto, ma ragioniamo partita dopo partita. Stasera era importante soprattutto per mettere in campo lo spirito giusto e grazie a questo spirito abbia ottenuto la vittoria. Chiesa? Lo abbiamo comprato proprio perché è fortissimo nell'uno contro uno negli ultimi trenta metri, il suo ruolo è quello che ha ricoperto stasera ed è stato determinante. E' un giocatore molto importante per noi".

SU RABIOT - "Veniva da due turni senza giocare, quindi era bello fresco e aveva una gran voglia. Quando è in questa condizione può fare qualsiasi cosa, neppure lui sa quanto sia grande il suo potenziale".

SUL GOL SUBITO - "C'era punizione per noi ad inizio azione, il gioco andava fermato. Poi noi abbiamo commesso degli errori. Danilo poteva essere più aggressivo, ma anche il resto della squadra non era messo benissimo ed era in ritardo. L'azione, però, nasce da un fallo netto ai danni un nostro giocatore, che l'arbitro non ha fischiato".

SU DYBALA - "Qui sono tutti titolari. Ho la fortuna di poter scegliere fra tanti grandi giocatori gara dopo gara, in base a quello che cerchiamo e anche in base a come giocano le altre squadre. Paulo doveva recuperare la miglior forma fisica e anche adesso non sta benissimo. Aspettiamo di riaverlo al 100%. Anche stasera, a fine primo tempo, aveva un problemi fisico. Il suo rinnovo? Non mi riguarda. Le trattative per i rinnovi vengono portate avanti dai giocatori e dalla società, io non mi intrometto in queste cose". >>> E intanto Elliott vuole sognare in grande, tra Champions e Scudetto: arriva il sì definitivo per tre grandi colpi a gennaio! <<<

Andrea Pirlo, tecnico della Juventus

Potresti esserti perso