IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Milan, il punto sui rinnovi: che vuole fare Ibrahimovic?

Ibrahimovic

Tornato titolare nella gara contro il Bologna è già tempo di farsi qualche domanda sul futuro di Ibrahimovic. Rinnoverà, o no, con il Milan?

Redazione Il Milanista

Il Milan e i rinnovi contrattuali, tra campionato e Champions League. Situazione comune a tante squadre, ma in ottica rossonera c'è sempre un attenzione differente, figlia dei casi Calhanoglu e Donnarumma e un tira e molla lungo tutto un anno che ha portato alla partenza a parametro dei due giocatori, oggi al PSG e all'Inter. Senza dimenticare come le situazioni legate a Romagnoli e soprattutto Kessie stiano monopolizzando le cronache legate al Diavolo, nonostante gli ottimi risultati della squadra di Stefano Pioli, soprattutto in Serie A.

Il futuro dello svedese è sempre 'nelle sue mani'

Eppure non ci sono soltanto il mediano e il difensore centrale in scadenza in estate, come riporta la Gazzetta dello Sport. Ance il futuro di Zlatan Ibrahimovic è un'incognita, ma questo è un discorso diverso rispetto a tutti gli altri calciatori della rosa rossonera. Il campione svedese, al termine della stagione, deciderà se proseguire, o meno, in serenità con il club. Valutando la tenuta fisica. Come un anno fa quando alla fine il numero 11 decise di rinnovare per un'altra stagione. Deciderà Ibra quindi, ma il Diavolo ha iniziato a guardarsi intorno, anche perché potrebbero esserci occasioni ghiotte, tenendo inoltre bene a mente che non sarà semplicissimo trovare il sostituto dello svedese, che è uno dei pesi massimi dello spogliatoio rossonero, anzi è il leader della squadra, senza troppi giri di parole.

Ibra: incognita atletica

La stagione dell'attaccante però non è iniziata nel migliore dei modi. L'infortunio al ginocchio, e conseguente operazione chirurgica, gli anno fatto saltare l preparazione estive. Tornato in campo alla terza di campionato, giusto il tempo di siglare la prima rete stagione, per poi fermarsi di nuovo a causa di un problema al tendine d'Achille. Con il Bologna è finalmente tornato titolare, con due reti a referto: una nella pronta e una in quella sbagliata. La tenuta atletica sarà decisamente fondamentale nelle sue scelte per il futuro.