Hauge: “Vi dico chi è il mio idolo”

Parla l’esterno rossonero

di Redazione Il Milanista

MILANO – L’esterno norvegese rossonero, Jens Petter Hauge, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di The Athletic, parlando del suo arrivo al Milan, del primo gol in maglia meneghina e dei suoi idoli: “Si è svolto tutto velocemente. Mia madre pensava che fosse un grande passo per me trasferirmi in Italia, a Milano. Una nuova lingua da imparare e tante cose nuove da poter conoscere. Abbiamo quasi cinquantamila persone che vivono a Bodo. E’ un posto po’ piccolo, noto la differenza soprattutto ora che vivo in una grande città. E’ stato un grande cambiamento passare da una piccola realtà a una metropoli, ma sono davvero contento della mia scelta e mi sto divertendo ogni giorno. Mi trovo molto bene. Una nuova opportunità per me di imparare cose nuove sulla squadra, sulla lingua e sulla città in cui adesso vivo”.

SUL PRIMO GOL IN SERIE A – “È stata una serata fantastica, con un successo molto importante. Abbiamo giocato una grande partita e l’abbiamo vinta con merito. Ho avuto il piacere di chiuderla con il mio gol: è stata un’emozione fortissima, contro una grande squadra come il Napoli e su un campo davvero difficile”.

SUI SUOI IDOLI – “Quando ero bambino guardavo prevalentemente i giocatori che erano bravi con entrambi i piedi. E’ molto importante saper utilizzare sia il destro che il sinistro. Per tutta la mia vita ho usato tutti e due i piedi per tirare, crossare e passare la palla, quindi ora mi viene naturale usarli entrambi. Inizialmente mi piacevano soprattutto Didier Drogba, Frank Lampard e Mata. Quando sono cresciuto un po’ di più, ho iniziato a guardare anche Eden Hazard. Adesso è lui il mio preferito”. >>> E intanto Elliott vuole sognare in grande, tra Champions e Scudetto: arriva il sì definitivo per tre grandi colpi a gennaio! <<<

Hauge in azione contro il Cagliari
Hauge in azione contro il Cagliari
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy