Svezia, pace fatta tra Ibra e il CT. Andersson: “Se Zlatan apre…”

Janne Andersson, CT della Svezia, ha espresso pubblicamente l’avvenuto chiarimento tra lui e Zlatan Ibrahimovic.

di Redazione Il Milanista
Zlatan Ibrahimovic ha lasciato la nazionale svedese nel 2016
Svezia, pace fatta tra Ibra e il CT

MILANO – Janne Andersson, commissario tecnico della Svezia, ha espresso pubblicamente l’avvenuto chiarimento tra lui e Zlatan Ibrahimovic: “Ci siamo incontrati e chiariti. Quello che ci siamo detti rimane fra noi, ha smentito di avermi dato del razzista. Se Zlatan apre la porta, dobbiamo parlare, in ogni caso sarò criticato comunque vada”.

Come riportato da La Gazzetta dello Sport, “tornato a Milano con la moglie Helena, Zlatan deve rimettersi in sesto per giocare prima possibile e poi decidere l’ultima fase (ultima?) della sua carriera. Ciò che fa viene amplificato e non c’è soltanto la data del suo rientro, dettaglio tutto sommato banale, in questo inizio del 2021. Ibrahimovic è rinato tornando in Italia e ha dato la scossa a un club che si era abituato a vivacchiare. Al di là dei gol, il risultato concreto è questo. In fondo alla stagione 2020-21 ci sono progetti da fare, continuare, smettere, inventarsi una carriera. Soprattutto, c’è un Europeo da giocare. Altro grande obiettivo per un campione che pretende sempre l’uscita di scena migliore”.

Notizie Milan: Ibrahimovic
Notizie Milan: Ibrahimovic

Zlatan Ibrahimovic, in un nuovo stralcio dell’intervista ad Ambrosini, era tornato a parlare così del proprio possibile ritorno con la nazionale svedese: “Ho parlato con il mister della Nazionale e ho spiegato la situazione. Per 20 anni ho spianato la strada a chi non è il benvenuto: gli stranieri che avevano origini diverse. Quando è arrivato lui ha fatto scelte diverse chiudendo la porta a quello che ho fatto io nei 20 anni precedenti. Questo non mi va, non mi sta bene. Mi sono lamentato della mancata titolarità di Dejan (Kulusevski) che è stato pagato tanti soldi dalla Juventus ma che non gioca con la Nazionale. La mia foto con la maglia della Svezia? Mi manca. Se mi dovessi sentire come oggi potrei tornare in Nazionale ma se la mia presenza dovesse disturbare a qualcuno non rientrerò. Vediamo quando sarà il momento”. >>> E intanto Elliott vuole sognare in grande, tra Champions e Scudetto: arriva il sì definitivo per tre grandi colpi a gennaio! <<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy