Dicono di M…ilan: le parole del 8 febbraio

Ecco cosa hanno gli addetti ai lavori il giorno dopo Milan-Crotone

di Redazione Il Milanista
Rebic, Romagnoli, Ibrahimovic e Castillejo festeggiano la vittoria sul Crotone

MILANO – Il Milan nella giornata di ieri ha battuto per 4 a 0 il Crotone di Giovanni Stroppa. Ecco le parole degli addetti ai lavori:

GIUSEPPE CRUCIANI A “TUTTI CONVOCATI” – “Penso che il Milan sia da scudetto e ha capito di poterlo vincere, bisogna capire se la crisi societaria dell’Inter si rifletterà sulla squadra. Il Milan ha trovato una quadra di tutto come anche la Lazio“.

ALESSIO TACCHINARDI A PRESSING –Io ho avuto la fortuna di giocare con Ibrahimovic nella mia carriera e devo dire che un tesoro per questa squadra. Quando c’è un po’ di pressione, lui la toglie. Pretende sempre il massimo in campo e in allenamento, vuole sempre alzare l’asticella. Ibra è veramente stimolante“.

STEFANO DE GRANDIS A SKY SPORT –Continua il sogno dello scudetto per il Milan. I rossoneri non erano partiti per vincere il campionato, ma continuano a rimanere in testa. Leao ha fatto una grande partita e Ibrahimovic ha fatto 2 gol. Il Milan ha servito il poker nonostante la vittoria dell’Inter che si faceva minacciosa, hanno messo in evidenza tutto il potenziale dopo un primo tempo non brillante“.

Milan
Milan

RICCARDO CUCCHI SU TWITTER – “Il Milan conserva il primo posto. Vittoria netta e mai in discussione. Complimenti a Ibrahimovic per aver superato quota 500 gol. Ma le notizie più importanti per i rossoneri sono il rientro di Calhanoglu e quello imminente di Bennacer. Il Milan c’è, eccome..“. Ecco il post completo:

LUCA MARCHEGIANI A SKY SPORT –Senza nulla togliere alle vittorie con Cagliari, Bologna e Crotone, mi aspetto una risposta dal Milan contro le big nelle prossime partite. I match contro Inter e Roma saranno dei test importanti”.

GIUSEPPE BERGOMI A SKY SPORT –Ho sempre ritenuto il Milan molto profondo nella rosa, ora con i nuovi acquisti ancora di più. Continua a giocare bene. Ieri dopo l’imbarazzo iniziale, il Milan ha segnato e poi ha subito dominato la partita. È una squadra con qualità, velocità e forza fisica davanti, e mancava anche Calhanoglu dall’inizio, che è il titolare dietro la punta. Leao? Lo puoi mettere dappertutto“.
STEFANO ANTONELLI A TUTTOMERCATOWEB – “Il Milan con Mandzukic ha dato un grande segnale. Ha fatto un buonissimo mercato il Verona con Sturaro e Lasagna”.
SANDRO PICCININI A SKY SPORT – “Il Milan è diventato consapevole della sua forza. E questa l’ha raggiunta nella sconfitta con la Juventus. La squadra è riuscita ad assorbire anche la batosta con l’Atalanta. Questa reazione ha fatto crescere la squadra ed ha aumentato la consapevolezza nei propri mezzi”.
FRANCO ORDINE A PRESSING – Ibra ha saltato tante partite quest’anno, quindi per questo il primato in classifica del Milan fa ancora più impressione. Io sono stato sempre ottimista sul suo ritorno in Italia, ma non mi aspettavo questo rendimento dello svedese. E’ più decisivo adesso che in passato. Massimiliano Allegri mi ha detto che se Ibra sta facendo così bene è perché sta facendo quello che avrebbe dovuto fare sempre nella sua carriera, cioè il centravanti in area di rigore. Se lo avesse fatto anche prima, avrebbe segnato molto di più, non saremmo qui a parlare di 500 gol ma di 750-800“.
Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan
Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy