IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Milan 1-3 Juventus, il migliore in campo: Leao (quasi) maturo

Le giocate alla Leao: il numero del portoghese du Danilo della Juventus

Il migliore in campo fra i rossoneri della sfida tra Milan e Juventus è Rafael Leao.

Redazione Il Milanista

Milan 1-3 Juventus, il migliore in campo è Leao

MILANO - Il migliore in campo fra i rossoneri della sfida tra Milan e Juventus, valida per la 16esima giornata del campionato di Serie A e vinta per 1 a 3 dai bianconeri, con una doppietta di Federico Chiesa al 18esimo e al 62esimo, inframmezzata dal momentaneo pareggio rossonero di Davide Calabria al 41esimo e incorniciata dal definitivo terzo goal bianconero firmato al 76esimo da Weston McKennie, è Rafael Leao.

L'attaccante portoghese ha giocato un primo tempo super, per poi calare nell'ultima mezz'ora. Leao ha fatto perfettamente ciò che gli chiede Pioli e ciò che, da tempo, gli chiedono i tifosi: mettere in gioco tutte le sue enormi qualità tecniche e fisiche grazie ad un atteggiamento più consono alla maglia che indossa. Ieri, dunque, gran partita, contando anche l'assist a Calabria per il momentaneo pareggio rossonero. Il 17 ha concesso strappi in contropiede, tenendo palla e facendo salire la squadra, oltre a giocate di classe degne di questo nome. Per essere in toto maturo deve mostrare questo atteggiamento con continuità durante l'arco della partita e del campionato.

 Rafael Leao in fase difensiva: il portoghese raddoppia, assieme a Kessie, Bentancur della Juventusocat

"La partita è stata equilibrata, in alcuni momenti hanno fatto meglio di noi, così come noi abbiamo fatto meglio in altri momenti. Il 2-1 ha indirizzato la gara. Era tanto che non vivevamo le brutte sensazioni di una sconfitta, gli ho dato una pacca sulla spalla, se lo meritavano. Non ci devono essere rimpianti dopo una gara così, testa alta, la partita l'abbiamo fatta e tra tre giorni dobbiamo tornare in campo. Rafael Leao sta crescendo tanto, stasera ha tenuto sempre in ansia la difesa avversaria. Nella cattiveria - ha spiegato Stefano Pioli ai microfoni di SkySportnel post partita - può fare passi in avanti, li farà e li sta facendo. Sta lavorando per la squadra come non aveva mai fatto, è un segno della sua crescita e disponibilità. Ha grandissima potenzialità, continuerà a crescere". >>> E intanto Elliott vuole sognare in grande, tra Champions e Scudetto: arriva il sì definitivo per tre grandi colpi a gennaio! <<<

Potresti esserti perso