IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Juventus, verso il Milan: CR7-Dybala davanti con Demiral dietro

Andrea Pirlo, tecnico della Juventus, con il 10 bianconero Dybala

La probabile formazione della Juventus in vista del Milan, nella sfida valida per la sedicesima giornata di Serie A.

Redazione Il Milanista

Juventus col problema Covid

MILANO - La probabile formazione della Juventus in vista del Milan, nella sfida valida per la sedicesima giornata di Serie A in programma oggi alle 20:45 allo stadio "Giuseppe Meazza" di San Siro in Milano. La gara sarà diretta dal sig. Irrati della sezione di Pistoria, coadiuvato dagli assistenti Costanzo e Longo e dal quarto uomo Doveri; al VAR ci sarà Orsato, assistente al VAR Mondin.

I tamponi positivi di Cuadrado e Alex Sandro cambieranno, ovviamente, lo scacchiere titolare di Andrea Pirlo. Il tecnico bianconero, infatti, dovrà fare di necessità virtù, schierando Danilo a sinistra e adattando Demiral a destra, con licenza di accentrarsi al fianco di Bonucci e De Ligt in fase di possesso; il turco è in ballottaggio con Frabotta che, nel caso, agirebbe a sinistra con lo spostamento del 13 brasiliano a destra. Per il resto andrà in campo a San Siro lo stesso 11 che ha battuto l'Udinese. Davanti a Szczesny la già citata difesa, poi McKennie e Bentancur in mezzo al campo con Ramsey a sinistra e Chiesa a destra; davanti la coppia Cristiano Ronaldo-Dybala, con Morata ancora out per infortunio.

JUVENTUS (4-4-2): Szczesny; Demiral, Bonucci, De Ligt, Danilo; Chiesa, McKennie, Bentancur, Ramsey; Dybala, Cristiano Ronaldo. All.Pirlo.

 Il goal di Kessie alla Juventus nel luglio 2020

Le parole di Pirlo

 "La classifica - ha affermato Pirlo in conferenza stampa - rispecchia i valori del campionato, il Milan è la squadra che ha fatto meglio di tutte e meritatamente è in testa alla classifica. Noi giocheremo partita dopo partita al massimo e poi vedremo dove saremo. Se questo Milan è simile alla Juve di Conte? Non so se è simile alla Juve di Conte, però anch'io ho visto un grande spirito nel Milan e ne ho parlato l'altro giorno con i ragazzi. Vengono da grandi risultati e quindi questo ti porta ad avere questo tipo di spirito. Non perdono tante partite, quindi hanno sicuramente qualcosa id buono: sono la squadra da battere. Noi cercheremo di andare a San Siro a imporre il nostro gioco. Non dovremo avere paura di giocare a viso aperto perché queste sono le partite belle da giocare" . >>> E intanto Elliott vuole sognare in grande, tra Champions e Scudetto: arriva il sì definitivo per tre grandi colpi a gennaio! <<<

Potresti esserti perso