IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Final Four SuperCoppa Italiana Femminile – Mantovani: “Lo spettacolo non mancherà. Sarà un torneo unico”

Valentina Giacinti

Ecco le parole della Mantovani Presidente della Divisione Femminile

Redazione Il Milanista

MILANO - Inizierà domani la Final Four della SuperCoppa Italia di Calcio Femminile, che si giocherà nello stadio dell'Entella. Milan, Juvetus, Fiorentina e Roma avranno dunque la possibilità di vincere il primo trofeo stagionale. Sul sito della Virtus Entella è stata pubblicata l'ufficialità della sede e anche l'intervista alla Presidente della Divisione Femminile Ludovica Mantovani.

Per quattro giorni, Chiavari, e in particolare il nostro stadio Comunale, saranno al centro dell’interesse mediatico nazionale calcistico. Da mercoledì 6 gennaio, infatti, proprio nel nostro impianto si svolgerà la Supercoppa Italiana di Calcio femminile. Un torneo a eliminazione diretta al quale parteciperanno Juventus, Fiorentina, Milan e Roma, ovvero le quattro squadre meglio classificate nell’ultimo campionato di serie A.

Siamo emozionati e non vediamo l’ora di iniziare”, racconta Ludovica Mantovani Presidente della Divisione Femminile, “Daremo vita a un torneo unico nel suo genere e siamo certi che lo spettacolo non mancherà. Quest’anno per colpa dell’emergenza sanitaria che stiamo attraversando abbiamo dovuto rivedere i nostri piani, cercando una formula che potesse dare prestigio alla competizione, ma che, allo stesso tempo, potesse mantenere dei diritti di scelta meritocratici. Lo scorso anno, infatti, non siamo riusciti a giocare la finale di Coppa Italia e quindi abbiamo deciso di creare un nuovo format ammettendo alla fase finale della Supercoppa i 4 Club meglio piazzati in campionato. Questa scelta crediamo che possa alzare il livello dello spettacolo e soprattutto, speriamo che possa coinvolgere un maggior numero di appassionati”.

Come è nata l’idea di scegliere il Comunale di Chiavari come teatro dell’evento?Ho grande stima dell’Entella e del lavoro svolto dalla società del Presidente Gozzi. Penso che si tratti di una realtà modello a livello nazionale e siamo felicissimi di poter assegnare il trofeo qui. L’idea è nata quando i Club interessati ci hanno chiesto di giocare le due semifinali nella stessa giornata, in modo da avere gli stessi giorni di tempo per preparare l’eventuale finale. Per questo motivo era indispensabile trovare un impianto che potesse metterci a disposizione il proprio sintetico e abbiamo pensato subito all’Entella. Lo abbiamo fatto per la serietà della società e perchè qui possiamo contare su un sintetico di ultima generazione, premiato anche in passato dalla Lega di B. Siamo stati accolti a braccia aperte e per questo non posso far altro che ringraziare tutta la società”.

Il movimento femminile è in costante crescita, quanto è cambiato il percepito a livello nazionale dopo la grande cavalcata delle nostre ragazze nell’ultimo mondiale in Francia? “Tantissimo. Stiamo parlando dell’evento sportivo femminile più visto in assoluto. Da li è cambiato tutto. Io stessa ho iniziato il percorso a margine di quella fantastica cavalcata che ha fatto innamorare tutta Italia. Devo dire che le cose si stanno evolvendo in positivo sopratutto grazie agli investimenti della FIFA e dei club e le quattro squadre che si sfideranno qui a Chiavari ne sono un esempio lampante”. Sarà una grande opportunità anche per le ragazze biancocelesti che potranno seguire in TV il meglio del calcio Italiano nel loro stadio di riferimento, quello dove ogni settimana gioca la loro Entella.

Sono molto felice perchè anche l’Entella sta lavorando davvero bene sul suo settore giovanile femminile”, prosegue Ludovica Mantovani, “Questo evento spero che possa essere un’ attrattiva ulteriore anche per le ragazze biancocelesti. Avere dei punti di riferimento nello sport è tutto, e penso che poter ammirare 4 squadre di livello assoluto possa far crescere ancora di più la voglia di giocare a calcio. Lavoriamo per abbattere le barriere, per sensibilizzare le persone affinché non ci siano differenze. Il calcio è uno solo, e va amato nella sua totalità”.

Si parte domani con le prime due semifinali, le vincenti si affronteranno domenica, in palio il primo prestigioso trofeo dell’anno.

Potresti esserti perso