Coppa Italia, Fiorentina o derby? Il Milan attende i suoi quarti di finale

La squadra di Pioli approda ai quarti di finale della competizione da affrontare tra due settimane (27 gennaio).

di Redazione Il Milanista
I calciatori del Milan al centro del campo durante i calci di rigore contro il Torino
Milan, il prossimo turno di Coppa Italia

MILANO – Il Milan ha battuto per 5 a 4 il Torino nel match valido per gli ottavi di finale di Coppa Italia; a decretare il passaggio del turno sono, dunque, serviti i calci di rigore: i rossoneri li hanno segnati tutti, mentre è stato decisivo tra i granata l’errore di Rincon e la conseguente parata di Tatarusanu.

La squadra di Pioli approda così ai quarti di finale della competizione da affrontare tra due settimane (27 gennaio). L’avversario uscirà dalla sfida tra Fiorentina ed Inter, prevista per oggi alle 15:00 allo stadio “Artemio Franchi” di Firenze. Ora testa e cuore rivolti a Cagliari-Milan di lunedì sera alle 20.45, sfida valida per la 18esima giornata del campionato di Serie A.

Le parole di Pioli

Stefano Pioli, allenatore del Milan dal novembre 2019
Stefano Pioli, allenatore del Milan dall’ottobre 2019

“La squadra – ha commentato Pioli nel post partita a Rai Sport sa lottare, sa giocare e stringere i denti. È stata una partita complicata, i nostri avversari sono riusciti a palleggiare meglio rispetto alla gara di sabato. Ma soprattutto nel secondo tempo potevamo evitare di andare i supplementari con le tante occasioni avute. Siamo stati squadra per tutta la partita, è una vittoria voluta e meritata. I ragazzi hanno la capacità di fare la partite e saperle interpretare. Oggi siamo stati squadra per tutti i 120 minuti, prendendo anche qualche rischio. Abbiamo creato tanto, si sperava di non arrivare ai supplementari. I rigori sono difficilmente allenabili. Dentro il fatto di segnare i rigori c’è la qualità dei miei giocatori e l’aspetto mentale, la voglia di cercare di vincere le partite. Tante volte mi è stato chiesto qual è stata la gara della svolta, quella col Rio Ave è stata importante. Quella che conta è la presenza della squadra, la voglia di giocare partite serie. Bisogna continuare così”.

>>> E intanto Elliott vuole sognare in grande, tra Champions e Scudetto: arriva il sì definitivo per tre grandi colpi a gennaio! <<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy