Moggi attacca il Milan: “Nel 2005 meritava la Serie B”

Moggi attacca il Milan: “Nel 2005 meritava la Serie B”

Luciano Moggi attacca il Milan puntando il dito sulla partita con la Fiorentina del 2005. Secondo l’ex dirigente della Juventus non ha dubbi: “Il club rossonero meritava la Serie B”

di Redazione Il Milanista

MILANO – Luciano Moggi torna a parlare di Calciapoli. L’ex direttore generale della Juventus, radiato dal mondo del calcio, questa volta non attacca l’Inter ma il Milan. L’ha fatto attraverso Reggina Tv. “C’è stato solo un caso in cui un arbitro non ha fatto quello che doveva e cioè rivolgersi all’ufficio inchieste. In casi del genere ci può rivolgere all’ufficio inchieste. E’ un caso acclarato: il 30 aprile del 2005 c’era Fiorentina-Milan. Il Milan lottava con la Juventus per vincere il campionato ed eravamo a pari punti e la Fiorentina lottava per non retrocedere. Ovviamente, come tutti i dirigenti delle squadre di calcio, trovandosi in queste condizioni, avremmo avuto piacere che il Milan avesse trovato pane per i suoi denti a Firenze. L’arbitro era De Santis. Il sabato prima della partita un’intercettazione ci racconta che Meani, l’addetto agli arbitri del Milan telefona a De Santis e gli dice: ‘Non ammonire Kakà e Nesta, perchè sono diffidati e domenica dovremmo giocare con la Juventus a Milano'”.

“La partita finì 1-2 e non fu dato dall’arbitro un rigore grosso come una casa per fallo di Pancaro su Pazzini. Si menarono a non finire e non fu ammonito nessuno. I miei giocatori, dopo aver visto in tv la partita, volevano reclamare lo scandaloso arbitraggio. Io feci fare il silenzio stampa e parlai solo io”.

“Il giorno successivo alla partita, De Santis telefonò direttamente a Meani e gli ha detto: ‘Guarda, è la prima volta, forse, e sono riuscito anche a far fare silenzio stampa alla Juventus’. E Meani gli risponde: ‘Bravo, sei un amico. Lo racconterò al capo’ ovvero a Galliani. Era una partita da ufficio inchieste e retrocessione del Milan. L’arbitro si guardò bene dal telefonare all’ufficio inchieste. Quest’arbitro è stato messo tra quelli vicini alla Triade. Pensate un po’ la differenza tra quello che è la realtà e quello che hanno voluto dimostrare”.

Son passati un pò di anni ma per la cronaca De Santis ammonì due giocatori della Fiorentina Maggio e Donadel. Ben quattro del Milan: Cafù, Stam, Gattuso e Ricardo Kakà, che giocò comunque la sfida con la Juventus, persa dai rossoneri a San Siro per 0-1…

CLICCA QUI>Intanto, ecco tutte le principali notizie dal mondo Milan in aggiornamento live

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy