AIC, Tommasi: “Non possiamo imporre ai giocatori il taglio dello stipendio”

AIC, Tommasi: “Non possiamo imporre ai giocatori il taglio dello stipendio”

Parla il presidente dell’AIC

di Redazione Il Milanista

MILANO – Nel calcio italiano sta tenendo banco l’ipotesi di sospendere gli stipendi ai calciatori per il mese di marzo, o decurtare il 30% dai loro ingaggi qualora il campionato non ricominciasse. Tuttavia, non tutti sono d’accordo e il presidente dell’Associazione Italiana Calciatori, Damiano Tommasi, ha spiegato con un comunicato che non è possibile imporre a tutti i giocatori la riduzione dello stipendio.

LE SUE PAROLE – “Il problema del taglio degli stipendi va posto a tempo debito, prima vanno calcolati i danni economici. L’AIC non può imporre ai calciatori di accettati eventuali tagli. Decidono i singoli. Siamo d’accordo con la Lega di anticipare le ferie estive e di considerare questi giorni come vacanze per ridurre le ferie a luglio. Su questo nessun problema, ma per gli stipendi vedremo”.
CLICCA QUI>Intanto, ecco tutte le principali notizie dal mondo Milan in aggiornamento live

Caricamento sondaggio...

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy