Milan, ecco le ultime news sul caso Ibrahimovic-Lukaku

Arrivano nuove indiscrezioni dall’Inghilterra sullo scontro tra Lukaku e Ibrahimovic, in Inter-Milan. Nessuna accusa di razzismo per lo svedese

di Redazione Il Milanista
Alla fine del primo tempo di Inter - Milan, in Coppa Italia, Romelu Lukaku e Zlatan Ibrahimovic si sono affrontati con pesanti offese

MILANO – Tiene ancora banco lo scontro tra Romelu Lukaku e Zlatan Ibrahimovic. Soprattutto perché la Procura federale sta indagando su quanto accaduto. L’attaccante svedese è già stato ascoltato nei giorni scorsi. Prima ancora è stato il turno dell’arbitro Valeri, che ha diretto la stracittadina di Coppa Italia. Durante il primo tempo di Inter-Milan, infatti, i due giocatori sono venuti a contatto, sia fisicamente, che verbalmente. Fatto che ha caratterizzato l’intera partita, anche perché il direttore di gara visti gli animi accesi, ha ‘tagliato’ di un minuto il recupero nella prima frazione gioco e poi il numero 11 undici rossonero è stato espulso all’inizio del secondo tempo. Dopo aver preso un cartellino giallo come conseguenza di quanto successo con il belga.

Alla fine del primo tempo Romelu Lukaku e Zlatan Ibrahimovic si sono affrontati con pesanti offese
Alla fine del primo tempo Romelu Lukaku e Zlatan Ibrahimovic si sono affrontati con pesanti offese

Non è bastata la giornata di squalifica del Giudice Sportivo. La Procura della Figc, infatti, ha avviato un’indagine. Il rischio maggiore per due calciatori è l’articolo 28, quello inerente al razzismo, che porterebbe ad una maxi squalifica. Anche se gli ultimi aggiornamenti sulla vicenda, hanno riportato quella che potrebbe essere l’intenzione di andare per la condotta antisportiva. Una scelta che accorcerebbe di tantissimo i tempi dell’inchiesta e soprattutto non dovrebbe portare ad un stop forzato.

Il quotidiano britannico The Sun, ha riportato però le ultime voci sul caso. Secondo la fonte infatti né l’Inter, né tantomeno Romelu Lukaku avrebbero accusato Zlatan Ibrahimovic di razzismo, per le frasi dello svedese rivolte al belga. Una scelta che quindi avvalorerebbe la condotta anti sportiva. Nei prossimi giorni dovrebbero arrivare nuovi aggiornamenti e anche quelle che saranno le scelte definitive del Procuratore Chiné. Intanto la dirigenza del club meneghino ha chiesto all’avvocato Cantamessa di difendere il numero 11 rossonero in tutte le sedi opportune e seguire il caso in prima persona. Nonostante il campionato quindi il diverbio in Coppa Italia continua ad avere risalto sui media, sia in Italia, che fuori dai confini nazionali.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy