news milan

Tomori: “Avere un leggenda come Maldini è di grande aiuto”

Fikayo Tomori, difensore inglese del Milan.

Ecco le parole del difensore rossonero Fikayo Tomori durante la conferenza stampa di ieri con la Nazionale Inglese

Redazione Il Milanista

Tra i protagonisti degli otto mesi del Milan, con la qualificazione dei rossoneri in Champions League e il momentaneo secondo posto in Serie A, c'è senza dubbio Fikayo Tomori. Il calciatore inglese è arrivato a Milano durante il mercato di gennaio. Un arrivo a sorpresa perché Maldini e Massara avevano individuato in Mohamed Simakan il rinforzo per la mediana.

E dopo la mancata (e inspiegabile) convocazione all'Europeo, perso in finale contro l'Italia, il difensore anglo-canadese è stato chiamato da Gareth Southgate per le prossime partite della Nazionale dei Tre Leoni. Ecco le sue parole in conferenza stampa:

SULL'ARRIVO AL MILAN - "Al Chelsea era un momento difficile, ogni calciatore vuole giocare e ho avuto l’opportunità di farlo al Milan. Quando è successo, in un club così grande, ero molto felice ed eccitato. Sono molto felice che sia andata così bene fino ad ora, abbiamo cominciato molto bene la nuova stagione. Il club ha mostrato molta fiducia in me e ne sono davvero felice. Lì mi sento a mio agio e mi ha portato ad arrivare qui, quindi sta andando tutto molto bene”.

SULL'INCONTRO CON MALDINI - “Come ho detto prima, quando mi parlava era come Woah, è Paolo Maldini’. C’è quel tipo di pressione sapendo che sta guardando ogni partita ed è lì all’allenamento ogni giorno. Essendo io un difensore, voglio impressionarlo, così quando ero a metà del mio prestito, la scorsa stagione – verso aprile – ho fatto una chiacchierata con lui e ho parlato di come vede il mio gioco, cosa devo migliorare… Non solo con me ma col altri terzini, altri difensori, altri giocatori in generale, è davvero coinvolgente. Avere una leggenda come lui lì, quando dice qualcosa vai ad ascoltare, è sicuramente una bella cosa averlo intorno e mi è stato di grande aiuto”.

Ecco le immagini della conferenza stampa: