news milan

Milan, cercasi il post-Kessié: tra il non tramontato Sanches e le alternative

Renato Sanches
Maldini continua a sperare in Renato Sanches come sostituto di Frank Kessié ma il portoghese non è l'unico sulla lista della dirigenza

Redazione Il Milanista

Il Milan non perde (ancora) le speranze su Renato Sanches, il primo nome sulla lista di Maldini e Massara da mesi per sostituire la partenza di Frank Kessié. Il rientro dal prestito di Tommaso Pobega ha sostituito, almeno numericamente l'addio dell'ivoriano. Ma nelle idee della dirigenza rossonera resta la priorità di acquistare un calciatore di livello al posto dell'ex rossonero in maglia 87. Renato Sanches, come anticipato, resta il preferito perché in grado di offrire dinamismo, quantità e qualità.

La nota vicenda dell'interesse del Paris Saint-Germain per il portoghese ha frenato gli entusiasmi in casa Milan. Ai parigini, però, manca ancora l'intesa con il Lille. Per questo motivo Maldini continua a sperare nell'approdo in rossonero del lusitano, anche forte di un pre-accordo con il Lille sul costo del trasferimento del classe '97. Tuttavia, un suo passaggio al Milan è molto complesso per stessa volontà del calciatore di vestire la maglia del Paris, soprattutto per l'ingresso di due figure fondamentali nella carriera del portoghese in società (Luis Campos e Christophe Galtier). Nelle idee di Casa Milan finché l'affare non sfuma definitivamente, si continuano ad avere speranze.

D'altra parte, però, i rossoneri sono consci che l'affare è molto complesso, se non orientato verso la capitale francese e hanno messo nel mirino un'alternativa concreta. Si tratta di Carney Chukwuemeka, centrocampista tuttofare classe 2003 di proprietà dell'Aston Villa. Un profilo duttile che può essere impiegato sia da mediano che da trequartista, suo ruolo naturale. Un calciatore giovane, di cui in patria parlano benissimo, che può crescere sotto l'ala di Stefano Pioli. Anche qui c'è un nodo alla questione: il prezzo del cartellino. Villans lo valutano 20 milioni di euro, sebbene il calciatore abbia un contratto in scadenza nel 2023. Troppi vista la scadenza del contratto il prossimo giugno, dal momento che il calciatore può svincolarsi il prossimo giugno.