news milan

Milan, alla sosta ancora più forte

Diretta Milan - Atletico Madrid

Il Milan ha pubblicato l'analisi della squadra di Pioli tra le due soste per le Nazionali

Redazione Il Milanista

Il Milan si gode la vittoria sull'Atalanta nell'ultima giornata di Serie A prima della sosta per le Nazionali. I rossoneri, dall'ultima sosta fino ad oggi, ne escono con più certezze e come squadra più forte.

Il sito del club di via Aldo Rossi ha pubblicato sul proprio sito, acmilan.com, l'analisi di questo periodo

ALLA SOSTA: UNA SQUADRA ANCORA PIÙ FORTE

Il Milan ha seminato e raccolto un grande tesoro, quante certezze al "riposo"

Dalla Lazio in casa all'Atalanta in trasferta. Il ciclo di partite tra la prima e la seconda sosta per le Nazionali è iniziato e finito allo stesso modo: il Milan che vince, che batte e domina un grande avversario. Sette gare in tre settimane, cinque in Serie A e due in Champions League, quattro vittorie e un pareggio in Italia, due sconfitte in Europa: un bottino ricco di punti - eguagliata la miglior partenza del 2003/04, anno dello Scudetto - e tutto pieno di prestazioni. Nel cuore di settembre e in avvio di ottobre i rossoneri hanno dato una limpida e matura dimostrazione di forza, carattere e qualità.

Secondo posto solitario a quota 19, a -2 dalla vetta del Napoli. In campionato il cammino è stato quasi perfetto, a cominciare dal netto 2-0 ai danni della Lazio fino al 3-2 contro l'Atalanta: il successo più recente e forse più prezioso, ottenuto con merito nonostante qualche assenza. Proprio gli infortunati sarà uno dei temi principali da provare a risolvere a Milanello: Ibrahimović, Giroud, Bakayoko e Krunić avranno il tempo necessario per recuperare e tornare a disposizione per ridare fiato alla rosa di Pioli.

 Il Milan festeggia in campo

In Europa sono mancati i risultati. Ma se a Liverpool il Diavolo aveva sofferto l'impeto di avversario e stadio in una competizione tanto bella quanto difficile e soprattutto nuova per larga parte dell'ambiente, con l'Atlético Madrid a San Siro si è visto grande spettacolo per mezz'ora; poi gli episodi hanno fatto la differenza in negativo. La leadership di Tonali, l'incisività di Leão, i gol di Díaz, le giocate di Hernández, il sacrificio di Rebić: diversi i singoli in primo piano di una squadra che continua a crescere e unirsi.

Dopo la pausa, dodici i giocatori milanisti convocati dai rispettivi paesi, si aprirà una fetta ancora più importante e complicata della stagione, tra Serie A e Champions League, nella quale il calendario per esempio metterà in fila Roma all'Olimpico, Porto al do Dragão e poi Derby. Gli esami non finiscono mai, ma il Milan di oggi non vede l'ora di affrontarli e superarli.