news milan

Milan, si torna in campo con un solo obiettivo: regalare De Ketelaere a Pioli

Charles De Ketelaere obbiettivo Milan
Dopo la firma di Maldini e Massara  il mercato rossonero è entrato nel vivo. Uno dei grandi obiettivi del Milan è sempre stato De Ketelaere

Redazione Il Milanista

Dopo la firma di Maldini e Massara  il mercato rossonero è entrato nel vivo. Uno dei grandi obiettivi della dirigenza del Milan è sempre stato  Charles De Ketelaere, classe 2001, fantasista del Bruges. Sul ragazzo c'è un interesse concreto dei rossoneri, tanto che Paolo Maldini ha già avanzato la prima offerta ufficiale al club belga per assicurarsi il gioiello dei nerazzurri.

Si tratta di una proposta di 20 milioni di euro più bonus, ritenuta però ancora bassa dalla società.  Intanto però il Milan ha di fatto messo in piedi la trattativa per De Ketelaere e chissà se nei prossimi giorni non vi sarà una controfferta.

Come ha evidenziato la 'rosea', per il proprio trequartista  il Bruges ha sempre chiesto una cifra intorno ai 30 milioni di euro. Ma la rivelazione è che nei giorni scorsi ci sarebbe stata una telefonata conoscitiva di Stefano Pioli con il ragazzo.

Nel frattempo in Belgio fanno sapere che il Bruges non ha poi così tanta fretta di cedere CDK. La società nerazzurra, però, non potrebbe resistere dinanzi una doppia richiesta: sia quella del ragazzo di essere ceduto e soprattutto di un tesoretto da essere poi reinvestito.

De Ketelaere non esclude Ziyech. Ebbene sì, potrebbero arrivare entrambi. Le idee del Milan ormai sono molto chiare: sfumato Botman, la società ha deciso di orientrare il grosso del budget sul reparto offensivo. Nella testa di Maldini c’è l’idea di chiudere un doppio colpo dalla grande portata. De Ketelaere arriverebbe per fare il trequartista dietro la punta Origi, invece Ziyech per la fascia destra. Al momento è questo il piano del Club rossonero, ma potrebbe cambiare ancora. Tutto dipende da come andranno le trattative.

Per Ziyech sembra che il Milan sia riuscito già a strappare un accordo al giocatore e al suo entourage. Ciò che manca invece è la stretta di mano con il Chelsea. La chiave è capire su che tipo di formula lavorare: inizialmente si pensava ad un prestito con diritto o obbligo di riscatto, adesso invece non è da escludere il colpo a titolo definitivo. Per fare questo però serve l’aiuto dei Blues, i quali dovrebbero facilitare la trattativa con una fuoriuscita al giocatore.