news milan

Dicono di M…ilan – Le parole del 4 ottobre

Il Milan esulta sotto il suo spicchio di curva.

Dicono di M..ilan raccoglie tutte le parole del giorno sull'universo rossonero. Ecco le parole odierne sulla squadra di Pioli

Redazione Il Milanista

Dicono di M...ilan, la rubrica de IlMilanista.it che raccoglie le parole del giorno sull'universo rossonero. Ecco le parole di oggi 4 ottobre 2021

Dicono di M...ilan - Le parole della giornata

ALESSIO TACCHINARDI A TMW RADIO - "Fischi a Donnarumma? Penso che uno ha quello che si merita. E' vero che ha sempre dato tutto al Milan, ma certe dichiarazioni si potevano evitare. Se non vuoi firmare, almeno non illudere i tifosi".

LUCA MARCHEGIANI A SKY SPORT -"Tonali è migliorato tantissimo. Fa un gioco più evoluto ed è cresciuto tanto psicologicamente. Ha seguito un percorso di crescita che viene richiesto ad un giocatore con le sue qualità"

GABRIELE GRAVINA IN CONFERENZA STAMPA - "L’errore di Cakir in Milan-Atletico ha avuto un impatto sulla partita, l’Uefa ha adottato provvedimenti riconoscendo la svista. È la dimostrazione che la qualità che abbiamo in Italia è importante, ma soprattutto è importante questo nuovo orientamento, alla ricerca di giovani di qualità, un’impostazione che sta dando risultati. Non dobbiamo avere paura dei cambiamenti, serve pazienza".

 Cüneyt Çakır

FRANCO ORDINE A PRESSING - "Nessuno si è accorto che il Milan non ha più Donnarumma e Calhanoglu. Ma siamo sicuri che Maignan sia meno forte di Gigio?". 

FRANCO BARESI A LA NAZIONE - "La delusione è stata tanta. Ma oggi so cosa ho fatto: da quel mondiale, che era la mia ultima occasione, sono uscito comunque vincente. Ho giocato reduce da un brutto infortunio. Dopo la scivolata e il menisco rotto, i giornali avevano titolato: Usa, addio Baresi. E invece alla finale ero in campo. Ancora oggi la gente mi chiede: come è stato possibile? Dietro un’impresa riuscita, è la risposta, ci sono tutte le prove dure che servono a fortificarsi. In Brasile oggi sono famoso quasi come in Italia. Sacchi? Un grande innovatore. Ci ha insegnato l’importanza dell’allenamento. Ha l’ambizione della vittoria, ma è attento a trasmettere professionalità e senso di responsabilità. Il concetto è: vinci, ma puoi durare e vincere ancora se hai basi solide".

MARIO SCONCERTI SULLE COLONNE DE IL CORRIERE DELLA SERA -  "Napoli e Milan sono in questo momento le squadre migliori del campionato. Il Milan è più squadra ed è l’unica ad aver giocato tre scontri diretti (Juve, Lazio, Atalanta), le uniche partite che valgono per la classifica. Stupisce nel Milan la crescita continua di giocatori non al centro del progetto, come Saelemaekers, lo stesso Tonali, Calabria. Detto questo il Napoli al momento è una squadra superiore, non più brava, solo profondamente diversa. Ha una qualità d’insieme che il Milan sfiora e forse l’Inter non ha, più un centravanti da tempi epici, di quelli che fanno paura appena si muovono". 

IL MILAN SU TWITTER -  "Non ci deve essere spazio per il razzismo. Continuiamo a combattere uniti, a sostegno dell'uguaglianza sociale e dell'inclusione."