Saelemaekers: “Derby senza paura. Inter forte, noi siamo una famiglia”

Le parole di Alexis Saelemaekers, esterno belga classe 1999 in forza al Milan.

di Redazione Il Milanista
Saelemaekers del Milan e Vidal dell'Inter alla caccia del pallone

MILANOAlexis Saelemaekers, esterno belga classe 1999 in forza al Milan, si è così espresso ai microfoni di Tuttosport nell’immediata vigilia del derby contro l’Inter, in programam oggi alle 15: “Non guardavamo la classifica quando eravamo primi – ha affermato – non lo facciamo adesso che siamo secondi. Intanto perché ogni domenica può cambiare qualcosa e poi perché come dice Pioli, la classifica si deve guardare a maggio. Prima, non serve a nulla. Non è nella nostra mentalità fare calcoli. Sotto questo aspetto, non cambia nulla. Giocheremo nello stesso modo che se fossimo stati in testa”. 

SULLE DUE SQUADRE: “Credo che loro abbiamo qualche individualità di spicco, diversi giocatori molto bravi. Ma noi siamo più squadra, più collettivo. Siamo una vera e propria famiglia e questo, in campo, può fare la differenza. Affronteremo l’Inter senza paura. Come ho detto prima, sono certo che il nostro gruppo sia più forte delle loro individualità”.

SULLA SCONFITTA A LA SPEZIA: “Ci siamo ritrovati tutti assieme per le nostre analisi. Io credo che sia stata semplicemente una giornata, da mettere più in fretta possibile alle spalle. Non ci sentiamo stanchi. Abbiamo lavorato sempre tanto, non solo nella settimana prima di quella partita. Piuttosto, dobbiamo cambiare là dove abbiamo sbagliato”.

SULLA STAGIONE: “Certamente la stagione sta entrando nel vivo, ma non dobbiamo pensare agli avversari, ma solamente a noi stessi. A fare bene e a stare sempre ai vertici della classifica”.

Ibrahimovic festeggia dopo il goal in Milan-Crotone
Ibrahimovic festeggia dopo il goal in Milan-Crotone

SUL RUOLO: “Mi è piaciuto tantissimo e anche io sento che devo sempre correre. Specialmente quando sono in una grande squadra come il Milan: in mezzo a tanti campioni, per essere degno di stare con loro, tanto per cominciare devo correre sempre, sacrificando la mia prestazione, se serve, per il bene della squadra”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy