Milan, verso lo Spezia: due dubbi offensivi per Pioli

La probabile formazione del Milan in vista dello Spezia, sfida valida per la 22esima giornata del campionato di Serie A.

di Redazione Il Milanista
Stefano Pioli, Fikayo Tomori e Hakan Calhanoglu

MILANO – La probabile formazione del Milan in vista dello Spezia, sfida valida per la 22esima giornata del campionato di Serie A ed in programma oggi alle 20:45 allo stadio “Alberto Picco” di La Spezia. La gara sarà diretta dal signor Daniele Chiffi di Padova, coadiuvato dagli assistenti Luca Mondin e Valerio Vecchi e dal quarto uomo Juan Luca Sacchi. Al VAR Paolo Silvio Mazzoleni con Giacomo Paganessi all’AVAR.

Dopo mesi di difficoltà per le tantissime assenze, Stefano Pioli potrà contare su quasi tutta la rosa a disposizione: restano fuori Maldini e Brahim Diaz per qualche acciacco fisico e Calabria per squalifica. Il tecnico rossonero, dunque, si affiderà al solito 4-2-3-1. Davanti a Gigio Donnarumma, linea difensiva composta da Diogo Dalot (al posto dello squalificato Calabria), Tomori (con Kjaer che è convocato ma sarà preservato), Romagnoli e Theo Hernandez. Mediana finalmente composta dal duo africano Bennacer e Kessie. Davanti Zlatan Ibrahimovic, con Calhanoglu unico sicuro titolare sulla trequarti: al momento, infatti, Saelemaekers e Rafael Leao si giocano il posto rispettivamente con Castillejo e Rebic, con i primi in vantaggio.

MILAN (4-2-3-1): Donnarumma: Theo Hernandez, Romagnoli, Tomori, Dalot; Bennacer, Kessie; Rafael Leao, Calhanoglu, Saelemaekers; Ibrahimovic. Allenatore: Pioli

Le parole di Pioli

Rafael Leao in goal nella sfida tra Milan e Spezia
Rafael Leao in goal nella sfida tra Milan e Spezia

“La preparazione è stata fatta per arrivare pronti e determinati, contro un avversario che ci aveva creato difficoltà nella gara d’andata, che ha battuto il Napoli e la Roma. E’ stata una buona settimana. A parte Diaz e Maldini stanno tutti bene. Ho buoni margini d scelta. Penso solo alla partita di domani, poi da lunedì penserò alle prossime partite. Ora posso fare tante scelte. Dico sempre che oltre ai titolari sono molto importanti anche coloro che entrano. Chi arriva da qualche infortunio fa fatica a giocare ogni giorni, gli altri faranno meno fatica. Ma io ora penso solo alla partita di domani. Prima di ogni partita parlate di svolta. Noi dobbiamo pensare solo a noi stessi e a vincere le nostre partite”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy