Milan, Kessié: “La storia parla per noi, Scettici? Ci motivano”

Il centrocampista del Milan è stato intervistato dal quotidiano ‘il Giornale’. Ecco cosa ha detto sulla stagione dei rossoneri

di Redazione Il Milanista
Kessie batte il rigore contro il Torino

ULTIME NOTIZIE MILAN

Kessie del Milan insegue Singo del Torino
Kessie del Milan insegue Singo del Torino

MILANO – Parla il ‘presidente’. Franck Kessie è stato intervistato da ‘il Giornale’ e ha toccato diversi temi, Dalla stagione del Milan, allo scetticismo che accompagna ancora la compagine rossonera., fino ad arrivare allo scudetto e a Stefano Pioli. Ecco che cosa ha detto:

Gli Scettici? Dobbiamo ringraziarli a dire il vero. Questi ragionamenti e pronostici non fanno altro che motivarci ogni giorno di più. Sono le nostre vitamine. però aggiungo che avere i tifosi con noi allo stadio sarebbe molto meglio, ci darebbero una carica strepitosa. Ce lo hanno dimostrato in alcuni pre-partita, sono convinto che con loro sarebbe arrivato anche qualche risultato migliore“.

Franck Kessié: “A Bergamo la gara della svolta”

E’ vero abbiamo ribaltato i pronostici, ma non c’è un segreto, ma soltanto un piano di lavoro da raccontare. Il mister ci ha preso da parte e ha iniziato a parlare, ci ha spiegato cosa voleva da noi. Da lì ci siamo messi a lavorare seguendo le sue idee, questa è una cosa che continuiamo a fare giorno dopo giorno. Abbiamo cambiato faccia rispetto a un anno fa. La partita della svolta? La brutta sconfitta di Bergamo con l’Atalanta, quel cinque a zero. Noi siamo il Milan non possiamo fare figure del genere. Da quel giorno in poi è scattata la scintilla“.

Zaza del Torino protegge il pallone dall'attacco di Kessie del Milan
Simone Zaza protegge il pallone dall’attacco di Franck Kessie, durante la sfida di campionato fra Milan e Toro

Milan News – Kessié: “Scudetto? Non ci sentiamo a disagio a parlarne”

Se siamo a disagio quando si parla di scudetto? E perché mai dovrebbe esserlo? Il mister tutti i giorni ci ripete sempre le stesse parole, pensiamo a una partita alla volta. Ora c’è il Cagliari, per noi il resto non conta. Noi siamo il Milan e la storia parla per noi. Un club come il nostro non può sentirsi a disagio a parlare dello scudetto. Ovviamente non siamo soli, ci sono anche altre squadre. Il soprannome ‘presidente’? Per me è motivo d’orgoglio, è una grande responsabilità. Questo mi spinge a fare bene“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy