Milan-Frosinone, le pagelle di Tiziano Crudeli

Milan-Frosinone, le pagelle di Tiziano Crudeli

Le valutazioni di Tiziano Crudeli dopo Milan-Frosinone

di Redazione Il Milanista

[tps_title]Milan-Frosinone, le pagelle di Crudeli

[/tps_title]

Milan-Frosinone, ecco le pagelle di Tiziano Crudeli

 

Milan-Frosinone, le pagelle di Tiziano Crudeli
Milan-Frosinone, le pagelle di Tiziano Crudeli

MILANO – Il 2-0 di Milan-Frosinone proietta gli occhi dei rossoneri sull’Atalanta e sulla corsa alla Champions League. Ma intanto, ecco le pagelle dei rossoneri.

Un milanista vero fa colazione con caffè e Gazzetta! Risparmia il 50% sull’edizione digitale!
Segui il Milan ogni giorno con l’edizione digitale della Gazzetta dello Sport a 9,99 al mese anziché 19,99.

Donnarumma 7,5 – Poco impegnato ma perfetto sul calcio di rigore di Ciano. Mantiene il risultato sullo 0-0 nel peggior momento rossonero.

Abate 6 – Sporca l’ultima gara a San Siro con il fallo da rigore, ma saluta i tifosi dopo 10 anni regalando grandi emozioni uscendo dal campo. (dal 84′ Conti s.v.)

Musacchio 6 – Solido e preciso, oggi nessuno ha avuto occasione di pensare a Caldara.

Romagnoli 6 – Lascia poco spazio alle iniziative dei ciociari, un capitano non può sbagliare nel giorno in cui non è concesso.

Rodríguez 5 – Lento e opaco in fase offensiva, l’out di sinistra è stato il terreno di caccia preferito del Frosinone.

Kessié 6 – Come al solito agisce tra lo sporco della partita e ne esce pulito. Ottimo in fase d’interdizione ma abbastanza bloccato negli inserimenti.

Bakayoko 6 – Solito argine davanti alla difesa. Qualche tocco di troppo, ma compensato dai tanti recuperi.  (dal 51′ Cutrone 6 – Entra per creare spazio e lo spazio si apre. In tandem con Piatek porta un’altra vittoria ai rossoneri. )

Çalhanoglu 6 – Forse più adatto al ruolo di mezz’ala. Ottimo il lavoro di raccordo tra centrocampo e attacco, sempre precise le imbeccate per Suso.

Suso 8 – I suoi strappi continuano a essere decisivi. È lui a sfondare sull’out di destra per il gol del vantaggio e sempre lui a chiudere il match con il capolavoro su punizione.

Piatek 7 – Corregge il tiro di Borini e si sblocca con la zampata vincente. Per continuare a sognare c’era bisogno di lui e dei suoi gol. (dal 81′ Castillejo s.v.)

Borini 6 – Riconfermato nel tridente, ma non ripaga la fiducia di Gattuso. Spreca due delle occasioni più ghiotte della partita. Chiede aiuto a Piatek ma riesce comunque a portare in vantaggio il Milan. Sventa anche l’ultimo tentativo di rimonta con il miracolo su Valzania.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy