IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

notizie milan

Milan-Juventus: non basta l’orgoglio, l’emergenza è più forte dei rossoneri

Milan-Juventus

Arriva la prima sconfitta dell'anno per i rossoneri. Milan-Juventus finisce 1-3 per i bianconeri. Troppe assenze per il Diavolo questa sera

Redazione Il Milanista

ULTIME NOTIZIE MILAN-JUVENTUS

Milan-Juventus
—  

MILANO - Alla fine arriva la prima sconfitta in campionato, la prima prima del 2021. Il Milan si deve arrendere alla Juventus e soprattutto all'emergenza che sta vivendo la squadra di Stefano Pioli. Tante, troppe le assenze importanti per il Diavolo.Zlatan Ibrahimovic, Ismael Bennacer, Alexis Saelemaekers, Ante Rebic, Rade Krunic e Sandro Tonali. Tutti calciatori che questa sera avrebbero fatto davvero comodo ai rossoneri, ma che tra infortuni, squalifiche e positività al Covid-19, non hanno potuto prendere parte alla gara di San Siro.

Milan-Juventus - L'orgoglio non basta ai rossoneri

Eppure il Milan era sceso in campo con un piglio deciso, con la voglia di vincere, come sempre è accaduto in questa stagione. La difesa rossonera però non era in serata, nessuno dei 4 calciatori schierati titolari: Dalot, Kjaer, Romagnoli e Theo Hernandezha raggiunto la sufficienza in pagella. Federico Chiesa trova la rete del vantaggio bianconero al 18', su assist di Paulo Dybala. L'argentino serve di tacco l'ex Fiorentina, che in diagonale supera Donnarumma. Incolpevole il portiere del Milan. Al 41' però arriva il pareggio e porta la firma di chi non ti aspetti, Davide Calabria. Il terzino, oggi adattato a centrocampo, sempre a causa dell'emergenza, trovo una rete bellissima. Destro chirurgico, all'incrocio dei pali, imparabile per Szczesny. ottimo anche l'assist di Rafael Leao.

Milan-Juventus

Milan-Juventus - Leao non punge

proprio il portoghese è stato protagonista di un buon match, senza trovare il goal. Questa però è la nota stonata della prova della punta. Ha avuto un paio di occasioni senza riuscire a sfruttarle. Con le assenze di Ibrahimovic e Rebic, servirà di più, più cattiveria sotto porta. Quella che è mancata questa sera. Più in generale oltre alle assenze, pesanti, questa sera sono mancati alcuni dei protagonisti dell'ottima stagione dei rossoneri. Romagnoli ha sbagliato tutto quello che poteva sbagliare, lasciando la possibilità a Dybala di servire un assist di tacco. Il capitano ha le sue colpe anche sul terzo goal rossonero. Così come Theo Hernandez è stata una delle delusione del match di San Siro, serve un salto di qualità nella fase difensiva.

Milan-Juventus

La Juventus sale in cattedra nel secondo tempo

Dopo un buon primo tempo, il Milan paga la stanchezza e i pochi cambi a disposizione della seconda frazione di gioco. E' ancora Federico Chiesa a punire il Diavolo, al 62'. Ancora Dybala che confeziona la rete, bravo pero l'esterno a resistere all'opposizione di Theo Hernandez. Anche in questo caso però il francese doveva e poteva fare di più, altro errore in questa serata sciagurata. La squadra di Pioli prova la reazione d'orgoglio, ma non basta. Troppo importante la panchina di Andrea Pirlo , è proprio un subentrato che firma la terza, e ultima, rete bianconera: Weston McKennie al 76' chiude la pratica. L'americano, sfrutta l'assist di Kulusevski e supera Donnarumma.

Nonostante tutto è stato un buon Milan

E' stato un buon Milan comunque quello visto questa sera, viste le premesse, le assenze e l'abitudine degli avversari odierni a giocare partite importanti. La squadra di Pioli testimonia ancora una volta che il futuro potrà essere suo, con i giusti accorgimenti.

Potresti esserti perso