Udinese-Milan, la moviola: tre casi da rigore da analizzare

La moviola di Udinese-Milan, sfida vinta 1 a 2 dai rossoneri e diretta dal sig. Di Bello.

di Redazione Il Milanista
Udinese-Milan, la moviola

MILANO – La moviola di Udinese-Milan, sfida vinta 1 a 2 dai rossoneri e diretta dal sig. Di Bello.

3 s.t. – Rigore per l’Udinese: neppure il tempo di tornare in campo e Di Bello assegna un calcio di rigore per l’Udinese: Pussetto, nell’area rossonera, anticipa Romagnoli e dopo un contatto l’argentino cade a terra. Di Bello non esita e concede il rigore. Il capitano del Milan tocca sia Pussetto che la palla, ma il fischietto è sicuro che il contatto sia sull’uomo e concede, senza ricorrere al Var, il rigore. La decisione resta dubbia, ma l’intervento del capitano rossonero è scomposto.

10 s.t. – Il Milan reclama per un rigore: Kessié lascia andare un bel tiro da fuori area, sulla ribattuta va Ibrahimovic che viene steso da Musso in area. Il fallo sarebbe da rigore, ma lo svedese era in fuorigioco

38 s.t. – Il Milan chiede un calcio di rigore per un tocco col braccio in area di Bonifazi: l’arto del difensore friulano è largo e il rigore poteva starci. Si è passati dal punire ogni tocco nella passata stagione al non richiamo minimo in questa. Ma attenzione perché in queste ore sono arrivate anche alcune importanti novità per il mercato rossonero. E’ deciso, Maldini vuole chiudere l’affare: servono 25 milioni! >>>LEGGI SUBITO LA NOTIZIA

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy