Bologna, verso il Milan: dubbi in avanti per Mihajlovic

La probabile formazione del Bologna in vista del Milan, sfida valida per la 20esima giornata del campionato di Serie A.

di Redazione Il Milanista
Sinisa Mihajlovic, allenatore del Bologna

MILANO – La probabile formazione del Bologna in vista del Milan, sfida valida per la 20esima giornata del campionato di Serie A ed in programma oggi alle 15:00 allo stadio “Renato Dall’Ara” della città felsinea. La gara sarà diretta dal signor Daniele Doveri della sezione di Roma, coadiuvato dagli assistenti Ranghetti e Cecconi e dal quarto uomo Fourneau; al VAR ci sarà Pairetto, AVAR Giallatini.

Sinisa Mihajlovic, dopo la sconfitta e la bella prestazione in casa della Juventus, cerca un risultato importante alla prima del girone di ritorno contro il Milan. Il tecnico serbo confermerà gran parte dell’11 iniziale visto all’Allianz Stadium: Skorupski in porta, Tomyiasu a destra nel ruolo di terzino con Dijks al suo opposto e la coppia centrale composta da Danilo e Soumaoro. Mediana formata da Schouten e Dominguez, in vantaggio su Svanberg. Davanti l’unica punta dovrebbe essere Barrow, alle sue spalle dovrebbero essere schierati Orsolini, Soriano e Vignato, ma Mihajlovic potrebbe anche decidere di reinserire Palacio nella formazione titolare. In quest’ultimo caso il gambiano giocherebbe esterno e Vignato dovrebbe partire dalla panchina. Indisponibili, invece Medel e Santander, ancora infortunati.

BOLOGNA (4-2-3-1): 28 Skorupski; 14 Tomiyasu, 23 Danilo, 5 Soumaoro, 35 Dijks; 30 Schouten, 8 Dominguez; 7 Orsolini, 21 Soriano, 10 Sansone; 99 Barrow.
A disposizione: 1 Da Costa, 34 Ravaglia, 3 Hickey, 6 Paz, 15 Mbaye, 29 De Silvestri, 16 Poli, 18 Baldursson, 32 Svanberg, 11 Skov Olsen, 24 Palacio, 55 Vignato.
Allenatore: Mihajlovic.

Bologna-Milan, le parole di Mihajlovic

Sinisa Mihajlovic
Sinisa Mihajlovic

E’ inutile chiedermi di Zlatan al Bologna. Lui è andato al Milan e ha fatto bene, visti i risultati. Per noi sarebbe stata una cosa meravigliosa. Sono sicuro che con lui ci saremmo divertiti tutti di più e magari avremmo avuto un’altra classifica. Ibra da noi resta una storia di fantacalcio. Sono contento di vedere cosa sta facendo, se lo merita“.

>>> E intanto Elliott vuole sognare in grande, tra Champions e Scudetto: arriva il sì definitivo per tre grandi colpi a gennaio! <<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy