IlMilanista.it
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

Angelo Colombo: “Il Milan mi ha sorpreso. Ecco qual è il suo segreto”

I festeggiamenti del Milan dopo la vittoria ai rigori contro il TorinoI festeggiamenti del Milan dopo la vittoria ai rigori contro il Torino

Il commento dell'ex centrocampista

Redazione Il Milanista

MILANO - Lunedì sera il Milan riprenderà la propria marcia in campionato. Dopo aver allungato sul secondo posto, la banda Pioli è chiamata a sfruttare lo scontro diretto che si terrà a San Siro fra Inter e Juventus. Davanti ai rossoneri ci sarà un Cagliari in piena crisi ma, proprio per questo, ferito e in cerca di riscatto. Tramite un'intervista rilasciata ai microfoni di Tuttomercatoweb, Angelo Colombo, ex centrocampista del Milan, si è espresso sulla stagione che sta disputando la compagine meneghina: "Se devo essere sincero dico che ad inizio stagione non me lo aspettavo così competitivo. Adesso è una realtà consolidata, ma inizialmente in pochi ci avrebbero creduto. Ed è tutto meritato, perché la squadra gioca benissimo. Faccio i complimenti a società, allenatore, staff e giocatori. Anche con la Juve, nell'unica sconfitta, la prestazione è stata più che positiva e il risultato purtroppo è stato bugiardo. Indipendentemente da chi gioca, la squadra regala un ottimo calcio e questo è fondamentale. Non è un caso che anche senza Zlatan Ibrahimovic siano arrivate molte vittorie. Il segreto è la testa. Dall'anno scorso è cambiato l'atteggiamento, c'è un altro spirito, un'altra determinazione. I giocatori sono quasi tutti gli stessi, ciò significa che la squadra è cambiata dal punto di vista del carisma e della mentalità. C'è stata una crescita generale da parte di tutto il gruppo. Si vede che c'è unità d'intenti. Tutti, dalla panchina al campo, vanno elogiati".

SULLA CORSA SCUDETTO - "Ci sono tante squadre: Inter, Juventus, Roma, Napoli, Atalanta e lo stesso Milan. Certo è che se i rossoneri continuano con questo ritmo diventa molto difficile fermarli. Il Milan deve temere solamente sé stesso. Deve continuare così: con questa voglia non c'è storia". >>> E intanto Elliott vuole sognare in grande, tra Champions e Scudetto: arriva il sì definitivo per tre grandi colpi a gennaio! <<< 

I festeggiamenti del Milan dopo un goal di Kessie

Potresti esserti perso