Assemblea dei soci,Galliani secco no comment alle domande dei piccoli azionisti. Approvata la delibera di Fininvest

Assemblea dei soci,Galliani secco no comment alle domande dei piccoli azionisti. Approvata la delibera di Fininvest

Il piccolo azionista La Scala ha posto 10 domande che non hanno ricevuto risposta

MILANO – E’ iniziata l’assemblea dei soci a Casa Milan. Oggi doveva essere il giorno del closing per cui l’ordine del giorno avrebbe dovuto riguardare soltanto la responsabilità degli amministratori. Come ha comunicato ieri Fininvest non ci sarà nessuna deliberazione a riguardo e non saranno modificati gli attuali amministratori. Il presidente dei piccoli azionisti Giuseppe La Scala ha formulato 10 domande:

1) Tra gli investitori che le sono stati finalmente resi noti, ci sarebbero ancora i tre importanti soggetti direttamente controllati dallo Stato Cinese, dei quali parlò esplicitamente il Presidente Berlusconi?

2) Questa presenza, se confermata, è ancora conseguenza, come il Presidente Berlusconi aveva affermato, dei piani governativi cinesi finalizzati ad una crescita esponenziale del movimento calcistico interno, anche attraverso l’acquisizione di società straniere di vertice, mediante le quali acquisire know-how manageriale?

3) La scelta del Milan, tra queste società straniere, si conferma essere dovuta alla straordinaria popolarità del Presidente Berlusconi in Cina e ai ben 243 milioni di tifosi che in quel Paese vanterebbe la nostra squadra secondo Berlusconi?

4) Il fatto che le suddette circostanze siano confermate, rende la Fininvest del tutto confidente quanto al fatto che le autorizzazioni che le Autorità Cinesi devono rilasciare per consentire l’ investimento all’ estero tardano solo per ragioni burocratiche e che non è stata opposta alcuna ragione – quanto al merito dell’ affare – che le ha finora ostacolate?

5) La qualità dei sottoscrittori del fondo è sempre di entità tale da escludere che – sempre con riguardo alle autorizzazioni – possano essere poste dalle Autorità Cinesi ragioni di opportunità legate alla natura soggettiva degli investitori?

6) Il rinvio del termine fissato per il closing che allontana nel tempo la indispensabile patrimonializzazione del Milan alla quale i compratori si sono obbligati giuridicamente, dipende esclusivamente dal ritardo delle Autorizzazioni ed è stato invece verificato che il Fondo promosso da SES ha già raccolto tutte le somme necessarie per pagare il saldo del prezzo e, contestualmente, versare i primi 100 milioni di euro nelle casse della nostra società?

7) In occasione dei nuovi accordi con SES che hanno pattuito il rinvio del closing, le clausole che impongono agli acquirenti la patrimonializzazione del Milan nelle misure sopra ricordate sono state tenute ferme?

8) Esclude la società Fininvest che dette clausole non saranno cancellate o modificate in seguito?

9) Ha la nostra società provveduto, a inviare a Fininvest e SES la dichiarazione di volersi avvalere della pattuizione tra essi stipulata a suo favore, ai sensi dell’art. 1411 del Codice Civile?

10) In caso negativo, il Collegio Sindacale è intervenuto, ovvero pensa di intervenire sugli Amministratori? E se sì, in che modo?”.

La risposta di Galliani: “Le domande non sono pertinenti né attinenti all’ordine del giorno, l’assemblea non è il luogo deputato alla trattazione di argomenti mediatici. Dichiaro chiusa la discussione”. E’ stata poi approvata la proposta di Fininvest. Intanto Niang si sfoga per il rigore….

LEGGI ANCHE NIANG RISCHIA IL POSTO

LEGGI ANCHE LE ULTIME SUL CLOSING

LEGGI ANCHE FASSONE INCONTRA GALLIANI

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy