• ultim'ora

Vittoria sofferta e da grande squadra: l’analisi post Udinese 1-2 Milan

La cronaca e il commento alla sfida tra Udinese e Milan, vinta 1 a 2 dai rossoneri.

di Redazione Il Milanista
L'analisi post Udinese 1-2 Milan

MILANO – Il Milan ha battuto per 1 a 2 l’Udinese nella sesta giornata del campionato di Serie A; a segno, alla “Dacia Arena”, Kessie al 18esimo e Ibrahimovic all’83esimo tra i rossoneri, con il momentaneo pareggio friulano firmato su rigore da De Paul ad inizio ripresa. La squadra di Pioli, dunque, si conferma in testa alla classifica in solitaria con 16 punti in 6 partite.

La cronaca di acmilan.com

L’Udinese prova a spingere in avvio e arriva alla conclusione prima con Deulofeu, para Donnarumma, e poi con Samir, sinistro largo. Il Milan si rende pericoloso con un inserimento di Saelemaekers che di punta, su assist di Leão, mette fuori da buona posizione. Poi il gol del vantaggio rossonero: Zlatan addomestica magistralmente un cambio di gioco di Çalhanoğlu e serve l’accorrente Kessie, che con un potete piatto destro in corsa pizzica la parte bassa della traversa e batte Musso per lo 0-1. I friulani però creano subito un’occasione per il pareggio: Pereyra ruba palla a Kessie, serve in area Deulofeu, ma il mancino dello spagnolo da buona posizione è altissimo. I padroni di casa alzano la pressione con una serie ravvicinata di calci d’angolo ma, sul nostro lato offensivo, è Zlatan a scaldare i guantoni di Musso con un gran destro.

UDINE, ITALY – NOVEMBER 01: Alessio Romagnoli of AC Milan competes for the ball with Ignacio Pussetto of Udinese Calcio during the Serie A match between Udinese Calcio and AC Milan at Dacia Arena on November 01, 2020 in Udine, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

La seconda frazione si apre con un fallo di Romagnoli su Pussetto, che provoca un calcio di rigore per l’Udinese: tra le proteste rossonere, sul dischetto va De Paul, che segna l’1-1. I rossoneri riprendono in mano le redini del gioco e conquistano due calci d’angolo, senza però produrre occasioni. Dopo una girandola di cambi e tanto equilibrio, la zampata di Ibra a sei minuti dal fischio finale: su una palla vagante generata a seguito di un cross di RebićZlatan si inventa una girata volante che sorprende Musso e regala il nuovo e definitivo vantaggio al Milan.

Il commento de ilMilanista.it

Si torna a vincere in campionato dopo il pareggio – che rammarico, ancora! – contro la Roma nel quinto turno. Il Milan espugna la “Dacia Arena” di Udine – campo storicamente molto difficile – con una prova non superlativa dal punto di vista tecnico, ma ottima caratterialmente e in efficacia; non era affatto facile, d’altronde, superare l’arcigna difesa friulana, chiusa e attenta su ogni azione. I rossoneri stanno pagando in stanchezza i tanti impegni di questo inizio di stagione, ma possono affidarsi all’entusiasmo e alla personalità dei campioni della rosa. Ibrahimovic su tutti, autentico dominatore nel servire l’assist per il vantaggio di Kessie e nel segnare il definitivo 1-2 in rovesciata.

Le difficoltà atletiche dei titolari, di conseguenza, hanno dato la possibilità ai cambi di cambiare l’inerzia del match; ottimo, infatti, l’ingresso in campo di Dalot, Tonali, Rebic e Brahim Diaz, segno che la squadra di Pioli ha delle alternative interessanti anche agar in corsa. Scudetto? Mai dire mai, si pensa partita dopo partita.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy