Stankovic: “Ibra? A 39 anni è il numero 1. Sul Milan…”

Le parole dell’allenatore della Stella Rossa ed ex laziale e nerazzurro, Dejan Stankovic.

di Redazione Il Milanista
Dejan Stankovic, allenatore della Stella Rossa Belgrado

MILANO – Manca solo un giorno ed il Milan tornerà a calcare dopo diverso tempo un palcoscenico europeo dal discreto livello. I sedicesimi di finale di Europa League non sono certo ciò a cui questa squadra ambisce, ma rappresentano un buon punto di partenza per provare a tornare a contare in Europa. L’allenatore della Stella Rossa è una vecchia conoscenza del nostro calcio. Si tratta di Dejan Stankovic: nel corso della sua carriera ha vestito le maglie di Stella Rossa, Lazio e Inter, vincendo un campionato jugoslavo, tre Coppe di Jugoslavia, sei campionati italiani (uno con la Lazio e cinque con l’Inter), cinque Coppe Italia (una con la Lazio e quattro con l’Inter) e sei Supercoppe italiane (due con la Lazio e quattro con l’Inter), una Coppa delle Coppe UEFA, una Supercoppa UEFA, una UEFA Champions League e una Coppa del mondo per club FIFA. Stankovic ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport. Queste alcune delle sue dichiarazioni.

Stankovic, allenatore della Stella Rossa
Stankovic, allenatore della Stella Rossa

Come arriva la sua Stella Rossa all’andata con il Milan?

“Siamo reduci da due vittorie in trasferta, in forma: i ritiri a Cipro e in Turchia sono serviti per ricaricarci”.

I pericoli da temere?

“Il loro modo diretto di giocare e certe individualità: penso a Leao, Rebic, Castillejo, Zlatan, Calhanoglu, Kessié che è una macchina da guerra, ma soprattutto a Theo, decisivo quanto per noi Maicon nella stagione del Triplete”.

Sorpreso da Ibrahimovic?

“È un professionista esemplare, si esalta quando il livello aumenta. E di conseguenza, alza quello dei compagni. A 39 anni è il numero uno”.

Quasi 11 ne sono passati dall’ultimo scudetto dell’Inter.

“Ora è padrona del proprio destino, l’assenza delle coppe è un vantaggio. Mi auguro che la Stella Rossa possa consegnarle un Milan stanco”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy