Pobega: “Ero juventino. Milan? È lì che voglio tornare”

Le parole di Tommaso Pobega, centrocampista classe 1999 in prestito dal Milan allo Spezia.

di Redazione Il Milanista
Milan, parla Pobega

MILANO Tommaso Pobega, centrocampista classe 1999 in prestito dal Milan allo Spezia, si è così espresso a La Gazzetta dello Sport sul suo futuro: “Milan? E’ lì che voglio tornare. Prima di passare allo Spezia ho giocato in amichevole contro Monza e Vicenza. E mi ero accorto che il Milan fosse pronto per il salto di qualità: è una grande squadra, tutti sanno quello che devono fare in campo e le caratteristiche dei singoli vengono esaltate. Maldini? Mi ha fatto l’in bocca al lupo e mi ha spronato a lavorare bene perché il Milan continua a seguirmi”.

SUL PASSATO DA JUVENTINO: “Ero juventino. Nel 2012 Cagliari-Juve fu giocata a Trieste e io ero uno dei raccattapalle: quella sera la Juve di Conte vinse lo scudetto. Poi ho fatto il raccattapalle anche a San Siro”.

EXTRA CALCIO: “Ho fatto il Liceo Scientifico diplomandomi con 80. E sono iscritto a Economia: ho dato 5 dei 6 esami del primo anno e sto preparando il sesto. Voglio laurearmi. Il tempo non mi manca: quando facciamo un solo allenamento, ho mezza giornata libera per i libri”.

LE ALTRE PASSIONI: “La grande passione è il basket Nba: se non ho impegni sportivi ravvicinati, mi alzo anche di notte per guardare le partite. Mi piace molto cucinare, soprattutto il risotto che è il piatto che mi viene meglio in diverse varianti: di mare, con i funghi, con la salsiccia. In tv guardo poche partite. Anche la Champions comincio a seguirla dalle semifinali, i gironi non mi attirano. Preferisco un film o una serie”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy