Gazidis plasma il Milan: ecco tutte le questioni da sistemare

Gazidis plasma il Milan: ecco tutte le questioni da sistemare

L’AD rossonero Ivan Gazidis dovrà mettere a punto alcuni temi molto urgenti.

di Redazione Il Milanista
Milan, i temi di Gazidis

MILANO – Il calcio giocato si è fermato, ma le varie società devono per forza di cose continuare a pianificare il futuro dei propri club. Come riporta La Gazzetta dello Sport, anche Ivan Gazidis, amministratore delegato del Milan, sta lavorando ai tanti temi sul tavolo a tinte rossonere.

TAGLIO STIPENDI – Punto più urgente è cercare l’accordo coi calciatori. Il Milan vuole ridurre gli ingaggi sul modello della Juventus (piccola trattenuta sugli stipendi dell’attuale stagione, mentre sarà più cospicua sugli ingaggi dei primi mesi della prossima annata) e ha presentato la sua proposta ai giocatori che dovranno dare una risposta entro il 18 maggio (giorno possibile per la ripresa degli allenamenti).

REBUS IBRA, PIOLI, MALDINI – Non appena ci saranno novità a riguardo della ripresa della stagione fermatasi l’8 marzo, Gazidis metterà a punto le discussioni per il futuro di Zlatan Ibrahimovic, Stefano Pioli e Paolo Maldini. Lo svedese incontrerà l’ad non appena tornerà in Italia, mentre il dt, continuando a lavorare senza sosta, sembra destinato all’addio in caso di ruolo depotenziato la sua permanenza al Milan appare molto difficile; molto incerto anche il futuro di Pioli, tecnico gradito alla società ma su cui incombe la figura di Rangnick.

STADIO E SPONSOR – In ultimo, ma non per importanza, le questioni extra campo di stadio (per il quale prosegue il dialogo con il Comune di Milano con Milan e Inter che vorrebbero costruire insieme) e degli sponsor (nelle prossime settimane è attesa l’ufficialità del rinnovo con Emirates e l’annuncio di un paio di nuove partnership). CLICCA QUI>Intanto, ecco tutte le principali notizie dal mondo Milan in aggiornamento live

Caricamento sondaggio...

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy