Il ritorno di Ibrahimovic al Milan 2.0

Il ritorno di Ibrahimovic al Milan 2.0

Lo svedese, considerato uno dei centravanti più forti al mondo, potrebbe tornare in rossonero: sarebbe un acquisto importantissimo per ila crescita del club. Il suo agente è Mino Raiola, che già cura altre operazioni con la dirigenza milanese.

di Redazione Il Milanista

Di Delia Paciello

MILANO – Mino Raiola è uno degli agenti Fifa più noto del momento: fra i suoi assistiti, si trovano i nomi di importanti giocatori di livello internzazionale. E’ il più potente e ricco dei procuratori italiani. Intrattiene diverse trattative al momento con il Milan: in particolare una verte attorno ad un nome importante come  Zlatan Ibrahimovic, che rappresenterebbe un gran ritorno per il nuovo Milan di impronta cinese.

 

Focus su Mino Raiola

 

Cresciuto in Olanda da genitori italiani parla sette lingue e sotto la, sua tutela ci sono grandi campioni come Zlatan Ibrahimovic, Paoul Pogba, Romelu Lukaku e Mario Balotelli, oltre al più talentuoso giovane portiere del panorama italiano e non solo, il rossonero Gianluigi Donnarumma e il meno noto fratello Antonio. E’ conosciuto anche per aver fatto l’affare del secolo con il trasferimento record del centrocampista francese Paoul Pogba, passato dalla Juventus al Manchester Utd per la modica cifra di 105 milioni di euro, dal quale avrebbe ottenuto altissime provvigioni ( si parla di 49 milioni di euro). Questa operazione tuttavia non è stata ritenuta regolare dalla Fifa, e al momento sarebbe in corso un’inchiesta.

RAIOLA

Le trattative col Milan

 

Al momento l’agente è in contatto con la dirigenza rossonera per trattare l’eventuale rinnovo del giovane portiere Gianluigi Donnarumma. Trattativa non semplice, perchè l’estremo difensore ha richieste importanti da diversi club europei e bisogna capire quali garanzie possa offrirgli la società milanese. Ci sarebbe la possibilità di portare a Milano anche il fratello Antonio, anche lui sotto la procura di Raiola. Ma soprattutto si parla di un importante ritorno: quello dello svedese Zlatan Ibrahimovic: l’attaccante di livello internazionale, che dovrà restare fuori diversi mesi dopo il grave infortunio al ginocchio rimediato qualche settimana fa, potrebbe voler chiudere infatti la carriera nel club in cui si è trovato meglio, cioè il Milan.

Ci sono anche tante pretendenti che si sono fatte sotto. Non so se resta al Manchester United per finire la carriera lì, ne parleremo presto. Per me giocherà anche altri due anni. Ne parleremo con lo United e vedremo come gestire questa situazione. Riprovarci? Vedremo, è ancora presto. Offerte da Europa, MLS o dove? Tanti campionati, ha ricevuto offerte da diversi club ma  al 100% resta in Europa. Troppo competitivo lui? Esatto”, ha dichiarato il procuratore a proposito del suo assistito più famoso.

Il ritorno al Milan sarebbe davvero un’operazione d’oro per la crescita della squadra. Il quotidiano La Repubblica spiega che il centravanti svedese tra un anno potrebbe prendere in considerazione l’ipotesi di chiudere la propria carriera al Milan. Il giocatore non ha mai nascosto di essere stato benissimo a Milano e che non avrebbe voluto andarsene. Fu Silvio Berlusconi, per ragioni di carattere economico, a decidere di vendere sia lui che Thiago Silva al PSG. Una doppia operazione da circa 70 milioni di euro.

L’infortunio del giocatore

 

Il contratto di Ibrahimovic con il Manchester United scadrà a giugno, al momento però è ancora fermo per un intervento chirurgico al ginocchio effettuato a Pittsburgh, in seguito ad un infortunio rimediato in Europa League. A inizio maggio però prioprio Raiola ha fatto sapere che l’operazione è andata a buon fine. Lo ha reso reso noto tramite un comunicato stampa, e si attende presto il recupero del campione: “Tutto ok. L’operazione al ginocchio è andata bene, recupererà pienamente e non si è trattato di un infortunio che ha messo a repentaglio la sua carriera”, ha dichiarato il procuratore.

ibrahimovic_milan_roma

 

Focus su Ibrahimovic

Zlatan Ibrahimovic è uno degli attaccanti più forti  e completi al mondo. Attualmente in forza al Manchester United, è l’unico ad aver vinto 13 campionati in 4 leghe differenti e le cinque supercoppe d’Olanda, Italia, Spagna, Francia e Inghilterra; inoltre è stato il primo a essersi laureato capocannoniere della Serie A con due squadre diverse (Inter nel 2008-2009 e Milan nel 2011-2012).

Nato il 3 ottobre 1981 a Malmö, è un calciatore svedese di origini slave cresciuto nelle giovanile del Malmö. All’età di 20 anni passa all’Ajax, attraendo su di sé l’interesse dei maggior club d’Europa. Dopo una lunga trattativa, la Juventus riesce a spuntarla sulle rivali e a garantirsi le sue prestazioni. Con l’inchiesta di Calciopoli e la retrocessione in Serie B, Ibrahimovic decide di passare all’Inter, portando il club nerazzurro alla vittoria dello scudetto per tre anni consecutivi.

Tra il luglio del 2012 e l’agosto del 2015 è stato il giocatore complessivamente più pagato nella storia del calciomercato, con un totale di circa 163 milioni di euro suddivisi in sei trasferimenti. Occupa il 9º posto della classifica dei marcatori della UEFA Champions League con 49 reti (a pari merito con Alfredo Di Stéfano); nella stessa competizione è l’unico ad aver segnato con le maglie di sei squadre diverse e uno dei dieci calciatori ad aver realizzato 4 gol in una sola partita, oltre a essere stato il miglior uomo assist dell’edizione 2012-2013.

Intanto arrivano nuove notizie di mercato per Deulofeu…CONTINUA A LEGGERE

3

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy