Maldini a Sky Sport: “Rangnick? Non da Milan. Contenti di Pioli e sorpresi da Ibrahimovic”

Maldini a Sky Sport: “Rangnick? Non da Milan. Contenti di Pioli e sorpresi da Ibrahimovic”

Ecco le parole di Paolo Maldini

di Redazione Il Milanista

MILANO – Non sarà Rangnick a sedere sulla panchina del Milan. A dirlo il direttore dell’area tecnica del Milan Paolo Maldini durante la sua intervista rilasciata ai microfoni di Sky Sport. Ecco tutte le dichiarazioni dell’ex Capitano rossonero:

Sulla semifinale di Coppa Italia contro la Juventus – “Innanzitutto è una semifinale, quindi c’è valore che ne consegue, molto importante. E’ uno dei due obiettivi della stagione, che dà accesso diretto all’Europa League. E poi giochiamo contro una grande squadra, che ha dominato gli ultimi 7-8 anni in Italia. Ci sarà uno stadio pieno per l’ennesima volta, in questo i nostri tifosi sono sempre stati molto vicini”.

Sul derby – Se analizziamo bene la partita, è stato veramente un primo tempo fantastico da parte nostra, il miglior primo tempo degli ultimi cinque anni, secondo me. Ci sono delle mancanze, lo sappiamo e stiamo lavorando su questo. Non siamo una squadra perfetta e stiamo lavorando per migliorare e determinare determinati errori per evitare di perdere partite che non meriti di perdere“.

Sui momenti di difficoltà –  “Quando hai una squadra giovane questo può succedere. Capita anche alle squadre più esperte. Chi è stato calciatore, si ricorda benissimo dei momenti di difficoltà quando la partita cambia: in quei momenti ti aggrappi sempre ai giocatori di maggiore esperienza e in questo i giocatori tipo Kjaer e Ibra danno questa sicurezza, ma forse è ancora troppo poco per far crescere velocemente i nostri giovani“.

Se Ibrahimovic lo sta sorprendendo –  “Sì, perché dal punto di vista del giocatore non dovevo certamente scoprirlo. Ha fatto sempre il campione in ogni sua partita in cui ha giocato in qualsiasi lega del mondo. Dal punto di vista fisico, pur essendosi allenato da solo, è difficile tornare in un campionato come quello italiano e incidere dopo due mesi e mezzo di inattività“.

Su Pioli –  “Noi di Pioli siamo veramente contenti, perché è subentrato in una situazione non facile in cui la squadra non stava andando bene e c’erano poche certezze. Si è imposto e ha fatto crescere dei ragazzi giovani, dando identità alla squadra“.

Sul futuro di Pioli – Da adesso a fine stagione possono succedere tante cose: tutti noi, giocatori, ma soprattutto allenatori e dirigenti viviamo di risultati. Siamo veramente contenti del lavoro di Pioli. Ci auguriamo di fare una seconda parte di stagione super, che credo faremo, e sederci a maggio a fine stagione“.

Su Rangnick –  “Ho letto. Sinceramente, da direttore dell’area sportiva, con il dovuto rispetto, non credo che sia il profilo giusto da associare al Milan“.

Sugli step del Milan –  “Gli step sono quelli di una crescita: l’anno scorso siamo arrivati quinti ad un punto dalla Champions League, l’idea è quella di migliorare questo risultato. C’è ancora la possibilità, avremo ancora tante occasioni per dare una svolta alla nostra stagione. Il resto lo stiamo facendo: una rosa più giovane, meno folta, il monte ingaggi che cala. Non abbiamo ancora il Milan dei nostri sogni, ma ci stiamo lavorando“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy