Ecco cosa non va nel Milan: l’attacco non segna! Che tragedia…

Ecco cosa non va nel Milan: l’attacco non segna! Che tragedia…

La Serie A è pronta a tornare in campo, il MIlan ricomincia con la voglia di conquistare un posto in Europa. Ma c’è un problema da risolvere, quello del gol. Nessun attaccante rossonero è in doppia cifra.

di Redazione Il Milanista

Solo 28 reti, con una media di un solo gol a partita. L’attacco del Milan è il quindicesimo in Serie A. Stesso numero di reti segnate di Torino e Sampdoria. Eppure il Milan tira in porta. E’ la settimana squadre per conclusioni verso la porta con 286 (143 nello specchio, 143 fuori). Questioni di mira, di cattiveria. Non c’è dubbio. L’Inter ha tirato poco meno in porta ma ha il quinto miglior attacco del campionato.

E se non segni difficilmente puoi vincere le partita in Italia. Ed è da qualche stagione il problema rossonero, quello di non aver un bomber di razza. Nemmeno Ibra è bastato. Le cessioni necessarie di Piatek (18 gare giocate solo 4 reti) e Suso (16 gare, 1 sola rete e due assist) non hanno cambiato i numeri di chi è rimasto, avuto maggior spazio. Il miglior attaccante del Milan è Ante Rebic con 6 reti, con 10 conclusioni in porta: un cecchino. Ma come detto non basta. Zlatan ha segnato 3 reti in 8 gare, Rafael Leao 2 in 21 presenze, Lucas Paquetà nessuna con 17 presenze in campo.  Aiuto misero anche da chi gioca nel tridente offensivo come  Samu Castillejo (16 presenze, nessuna rete) e Hakan Calhanoglu (23/3) e Jack Bonaventura (17/2).

Melgio non pensarci su, non dare troppe colpe a Stefano Pioli ma chi ha fatto probabilmente il mercato, chi li ha obbligati a cercare solo certi profili sbagliando tutto come dimostrano i numeri. Numeri che sono migliorati con l’arrivo di Zlatan a gennaio che ha dato maggior fiducia a tutta la squadra.

Numeri che dicono una cosa sola: il Milan deve tenersi Ibra, deve liberarsi di tutto il resto, di giocatori che non sono riusciti nè in questa stagione, nè in quelle passate, per chi è arrivato e rimasto, a fare la differenza, fare il bene del Milan.

Insomma c’è bisogno di attaccanti che la buttino dentro…

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy