Antonio Donnarumma: “Gigio non andrà mai alla Juve e non lascerà il Milan per nessun motivo”

Antonio Donnarumma: “Gigio non andrà mai alla Juve e non lascerà il Milan per nessun motivo”

Le parole del fratello del portiere rossonero

MILANO – “Gigio non andrà mai alla Juve e non lascerà il Milan per nessun motivo”. Comincia così la sua intervista a Il Corriere dello Sport Antonio Donnarumma, fratello di Gianluigi, portiere del Milan. Ad oggi l’ex Genoa milita nell’Asteras Tripolis, una squadra greca che gli sta permettendo di giocare con continuità. Gli occhi però, sono solo per il fratello prodigio, di cui non può che parlare bene. “Ci sentiamo tutti i giorni, la sera giochiamo online ai videogame. Lui prende il Milan, io Atletico Madrid o Barcellona. E come rosica ogni volta che segno… Di calcio parliamo poco, ma dopo le partite ci chiamiamo sempre. Dopo l’Inter era nervoso, ho cercato di tranquillizzarlo. Quando eravamo piccoli guardavamo insieme su YouTube parate e allenamenti dei portieri più forti. Io gli facevo vedere i video di Oliver Kahn, il tedesco, il migliore per carisma e personalità. Oggi il numero 1 è Buffon, il simbolo della scuola di portieri italiani. Dopo Gigi in Nazionale c’è lui. Ma conoscendo Gigio, non lascerebbe il Milan per nulla al mondo. E’ veramente felice in rossonero, ed è milanista da sempre. Avere la sua personalità a 17 anni è qualcosa di incredibile, gli scivola tutto addosso. Ne nascono pochi come Gigio, è un fenomeno. Io ho vestito quella maglia a 15 anni, è stato qualcosa di speciale. Per me, tifoso milanista, era veramente il massimo. Chiaramente non è stato facile lasciare casa così presto e la famiglia alla quale sono molto legato, ma bisogna fare dei sacrifici. Quest’estate ho scelto la Grecia perché cercavo una squadra per giocare, ma sarebbe bello ritrovarci insieme”.

Ti potrebbero interessare anche

Le parole di Berlusconi

Il closing non è a rischio

L’avventura di Sosa al Milan è già finita

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy