Montella: “Pasalic? Se potessi lo comprerei. Formazione? Aspettatevi sorprese”

Montella: “Pasalic? Se potessi lo comprerei. Formazione? Aspettatevi sorprese”

Il tecnico parla a Milanello: “Poche riserve? Abbiamo questi giocatori e dobbiamo credere in loro”

MILANO – Vincenzo Montella sta parlando in conferenza stampa: “La sconfitta? L’abbiamo assorbita bene. Ci sta una sconfitta, anche se il risultato è stato bugiardo. Ci sono stati degli spunti interessanti. A tratti abbiamo fatto un ottimo calcio, a tratti sufficiente e per il Milan non basta. Adesso siamo completamente concentrati sulla partita di domani che è estremamente difficile se non si fanno le cose fatte al 100%”.

“Pescara? Ci vuole attenzione, concentrazione e pazienza. Ci vuole tanta velocità con la palla, bisogna muoversi tanto ed essere molto aggressivi. Non dare tempo al Pescara di riconoscere le proprie giocate. Sto dicendo già troppo (ride, ). Poi dovranno venir fuori le nostre qualità tecniche che sono superiori rispetto a quelle del Pescara”.

Poche riserve? Noi abbiamo questi giocatori e dobbiamo credere in loro. Dargli fiducia”.

“Salto di qualità? Io non devo ricordargli il passato. Non dobbiamo pensare a Pescara in quei termini. A tratti a Genoa abbiamo espresso un ottimo calcio. Dobbiamo pensare solo a questa partita. Mettendo in campo le nostre risorse. I ragazzi devono vedere al futuro e non al passato”.

“Banco d’esame?  Dobbiamo pensare alla partita. Con la solita leggerezza. Se giochiamo con un’anima faremo qualche punto in più”.

“Turn over? E’ un discorso ampio. Nel calcio l’allenatore ha il compito di portare avanti i principi di una squadra. Nell’arco dell’anno non si può pensare di usare solo 11 calciatori. Usare gli stessi ha vantaggi. Questo nell’anno lo paghi, perché hai bisogno degli altri. E’ necessario avere dei ricambi”.

“Verratti? Prematuro parlare di mercato. Eravamo a un passo quando ero alla Fiorentina. Alla fine è andato al Psg”.

“Classifica del gioco? Secondo me più o meno rispecchiamo la classifica. Anche se la classifica non rispecchia la qualità. Mi piace la Sampdoria, il Napoli e il Pescara”.

“Chi gioca meglio del Milan? Il Sassuolo”.

“Se abbiamo i punti che meritiamo? La squadra ha sempre i punti che meriti. Se sbagli un gol o prendi un palo è perché non hai le capacità di vincere. Al 98% tutti hanno i punti che meritano”.

“Malumore per gli arbitri? Il Milan ha dimostrato di accettare sempre gli episodi. Stiamo capendo tutti che ci sono tanti episodi al limite e alla fine scontenti sempre qualcuno. Il Milan ha subito in un verso e ottenuto in un altro. Non tutto si equilibra. Dipende dagli episodi”.

“I nuovi arrivati? Il mio compito è portare avanti più calciatori possibili. Sono una risorsa. Avendo scelto un modulo con una sola punta centrale, tre attaccanti non riesci a portarli avanti. Per chi non gioca è difficile essere motivato. Scontenti qualcuno per forza. Sosa ha fatto 2 partite ottime. Stava crescendo, poi è arrivata l’esplosione di Locatelli. Continuerà a crescere anche lui. Diventerà una risorsa. Non ci sono altre situazioni, solo tanti infortuni come Vangioni. Pasalic sta trovando ora la condizione. Si intravedono le potenzialità. Se potessi lo comprerei. Siamo solo all’inizio”

“Pasalic? Meriterebbe anche di giocare. Ho intenzione di inserirlo. Lui è un centrocampista d’inserimento. Una mezz’ala. Quando si da un ruolo va sempre visto assieme ad altro. Sta acquisendo fiducia”.

“Paletta? E’ diventato importante, ma si deve poter anche fare a meno di lui. Giocherà probabilmente Gomez”.

“Spirito di Genova? Sì ma per tutta la partita. Poi la qualità può essere anche altalenante. Dobbiamo lavorare su quello”.

“Sopresa di formazione? Probabilmente sì (ride)”.

“Rigore Locatelli? Sinceramente dal campo mi sembrava netto. Pensavo fosse fuori area. Sono episodi di campo. Li accetto con serenità. Sono altri gli episodi che mi fanno arrabbiare”.

“Col Genoa? Mi è piaciuto particolarmente lo spirito che è cresciuto in 10 uomini. Prima non potevi rimproverargli niente. Lo spirito fa la differenza”.

“Lapadula e Zapata? Non anticipo la formazione. Non posso dare il mio giudizio. Lapadula sta facendo bene. E’ difficile per lui e Luiz Adriano esprimersi. E’ colpa mia in questo senso. Io alleno i calciatori e non i nomi. Chi mi da garanzie gioca”.

“Bertolacci? E’ tornato qui. Ha un nuovo esame settimana prossima”.

“Bacca a secco? Francamente ho sentito troppe volte: ‘gioca bene ma non segna’. Tutti vorremmo che il calciatore partecipasse al gioco. Anche quando non segna. Preferisco Bacca che si concentri su quello che sa fare meglio. Ha dimostrato di saperlo fare molto bene”.

LEGGI ANCHE MONTELLA CHIEDE UN ESTERNO

LEGGI ANCHE PATO: “ANCELOTTI UN PADRE”

LEGGI ANCHE I CINESI SVELANO I NOMI

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy