Galliani a Radio Deejay: “I cinesi? Questi non li conosco. Contento che si punti sui giovani”

Galliani a Radio Deejay: “I cinesi? Questi non li conosco. Contento che si punti sui giovani”

L’Ad rossonero ha parlato durante la trasmissione “Deejay Football Club”

MILANOAdriano Galliani ha parlato a Radio Deejay nel corso del programma “Deejay Football Club”: “Io vado avanti, se finisce tra un mese finisce tra un mese e se finisce oggi finisce oggi. Il calcio è la passione della mia vita, da giovane ero un lazzarone, una pippa da calciatore.  Se quando darò l’addio al calcio lascerò molti “Gallianini” come Marotta, Carnevali e Gandini? Non sono se siano Gallianini, Gallianoni o Gallianelli. Sono amici. Ho vissuto tutta la vita tra televisione, calcio e pubblicità è chiaro ed evidente che abbia tanti amici.”

Presidente di Lega? Non accetterei il ruolo perché non mi piace e non mi eccita. Mi eccita di più vedere giocare ragazzini di 12 anni, scatto in tribuna anche quando segnano i nostri ragazzini. Mi eccita più una partita di terza categoria che un’assemblea di lega.”

Interrogato sulla possibilità di un campionato a 18 squadre, l’ad rossonero ha risposto così: “Non so se sia giusto, ma di sicuro è un progetto irrealizzabile: per passare da 20 a 18 squadre servono infatti almeno 14 voti a favore ed è impossibile trovare 14 squadre d’accordo su questo dal momento che 7-8 club lottano per non retrocedere ogni anno. Oltretutto se guardiamo ai campionati europei maggiori come Premier League e Liga, sono tutti a 20 squadre.”

Sui costi dei giovani italiani – “I prezzi stanno salendo moltissimo, ma al di là di questo bisogna guardare al fenomeno in atto. Per quanto mi riguarda è positivo che le squadre italiane stiano puntando sui giovani, al di là di quanto sborsano per averli. Bisogna cambiare politica, io sono da 40 anni nel calcio e prima la Serie A era un punto d’arrivo, ora è solo un campionato di passaggio.”

Procuratori il male del calcio? Io vedo che anche i grandi scrittori hanno consulenti letterari. Certo, sono un costo alto ma fanno parte dello star system. Anche se vuoi ingaggiare Angelina Jolie non parli direttamente con lei, ma vai dall’agente.”

Sui cinesi – “Alla fine del 2013 ho avuto una grande offerta per andare in Cina. Poi il mio maestro mi ha detto che non potevo andare e io ho risposto: “Obbedisco”. Quei cinesi forse li conoscevo, questi non li conosco“.

Scudetto al Milan – “Non so fare le tabellone, non ho mai giocato al totocalcio. Mi limito ad osservare quello che sta accadendo quest’anno e devo dire che va molto bene. Donnarumma? E’ un ragazzo fantastico, meraviglioso. Vive nel nostro convitto ed ha la sua cameretta di fronte ai parcheggi sotterranei del San Siro.” Intanto ecco la cena rossonera del Papu…

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE SUL MILAN

LEGGI ANCHE CACCIA AL CENTROCAMPISTA

LEGGI ANCHE ACCORDO JUVE-DE SCIGLIO

LUIZ E’ DELLO SPARTAK

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy