Raiola: “Se Donnarumma resta? Vediamo…”

Raiola: “Se Donnarumma resta? Vediamo…”

Come riportato da Il Corriere dello Sport, il potente agente italiano ha parlato del suo assistito in chiave rinnovo: “Dipende solo dai cinesi”.

Milano – Mino Raiola, agente di Gigio Donnarumma, ha parlato del suo assistito in chiave rinnovo, spaventando i tifosi: “Ha tutto per diventare il più forte portiere del mondo e voglio misurare quanta passione metteranno i cinesi per costruire un grande Milan con Donnarumma. Gianluigi è come la tela bianca sulla quale l’artista dà la prima pennellata, poi la seconda, la terza e così via. E dal nulla nasce un capolavoro. Ecco, Donnarumma è un capolavoro che diventa più bello giorno dopo giorno. Ha 17 anni, però ha la maturità di un veterano, cerca di migliorarsi in ogni allenamento, è un ragazzo molto serio e molto bene educato. Il futuro? Dipenda da cosa intendono fare i cinesi. Va bene presentarsi con una montagna di denaro, ripianare i debiti, riorganizzare la società, ma io voglio misurare quanta passione ci metteranno i nuovi padroni. Perché qui sta il punto: i trent’anni di Berlusconi sono passati alla storia prima di tutto grazie alla passione del presidente, non soltanto per i soldi che ha speso. Se qualcuno chiedesse al Milan quanto costa il cartellino di Donnarumma, vorrebbe dire che non potrebbe permetterselo”. Poi ha anche parlato di un ex milanista, Mario Balotelli: “Mario è partito benissimo in Francia. Ora deve continuare così, ma, sia io sia lui siamo sempre più soddisfatti della scelta che abbiamo fatto. In Costa Azzurra ha trovato un ambiente familiare, un presidente che lo sostiene, un allenatore consapevole quanto sia importante rilanciare un attaccante del suo valore. E i tifosi stravedono per lui. Il 2017 può essere l’anno di Balotelli. Quando è al cento per cento della condizione, lui è fra i migliori primi quattro attaccanti al mondo”. Intanto il Milan segue l’erede di Ibra… 

IlMilanista.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy