Montella: “Locatelli ha la mia massima fiducia. Fabregas? Non ha le caratteristiche di Montolivo”

Montella: “Locatelli ha la mia massima fiducia. Fabregas? Non ha le caratteristiche di Montolivo”

Le parole del tecnico rossonero

MILANO – In una lunga intervista rilasciata, Vincenzo Montella, ha affrontato tanti temi importanti. La sua nuova avventura, l’assenza di Montolivo, Berlusconi e i giovani. “La responsabilità c’è a prescindere se alleni il Milan, però fa piacere ci sia tanta fiducia. E dire che io non sono uno che coltiva molto le relazioni, non sono un ruffiano. A Milano mi trovo bene sul posto di lavoro. Ho capito che è una città che offre molto, soprattutto alla sera, da allenatore dico ahimé! Vivo a San Siro, mi piace Brera. A che punto è il mio progetto? Abbiamo raggiunto risultati medio-alti rispetto alle nostre aspettative, con possibilità di crescita. A me piace che attorno alla squadra ci sia un clima di ottimismo e ci sia anche nella testa dei giocatori. Bisogna essere positivi per migliorare”.

Poi prosegue parlando di Montolivo. In questa sosta per gli impegni delle Nazionali, Riccardo Montolivo si è infortunato gravemente al ginocchio e sarà quindi costretto a restare fuori per diversi mesi: “Credo sia quasi insostituibile, garantisce le due fasi, ha un peso in squadra e nello spogliatoio – ha spiegato Montella -. Sarà una perdita anche maggiore di quanto si possa pensare. Le contestazioni nei suoi confronti? Essendo il capitano, uno dei giocatori più rappresentativi, presente in questi ultimi anni di risultati inferiori alle aspettative è stato il più preso di mira – ha dichiarato a Il Corriere della Sera – Giocare per il Milan comporta anche farsi scivolare tutto addosso. Se Locatelli è già pronto? Nelle ultime partite è entrato sempre in momenti decisivi, quindi ha la mia massima fiducia. Nel contempo bisogna ricordare che ha 5-6 spezzoni di partite in serie A. Mi sarebbe piaciuto farlo crescere più lentamente. Un sostituto? Ci servirebbe un giocatore con le caratteristiche di Montolivo, che sappia giocare anche in un centrocampo a due. Fabregas? Non ha proprio quelle caratteristiche”. Infine su Berlusconi. “Quello dei giovani italiani è un progetto di Berlusconi, lui ne avrebbe voluti 11 titolari. Cosa mi dice quando ci sentiamo? La prima domanda è: chi sono i due attaccanti? Io gli rispondo: quindi non possiamo giocare a tre?”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy