LE PAGELLE – Balotelli rigore e poco altro, Luiz Adriano non pervenuto

LE PAGELLE – Balotelli rigore e poco altro, Luiz Adriano non pervenuto

LE PAGELLE – Balotelli rigore e poco altro, Luiz Adriano non pervenuto

BALOTELLI

Alessandria-Milan 0-1, ecco le pagelle dei rossoneri:

Abbiati 6 – Mai chiamato in causa, a volte si dimostra indeciso sui rinvii.

Antonelli 7 – Il migliore dei suoi, per impegno e dedizione Propositivo sulla fascia, si rivela decisivo: è lui a guadagnarsi il calcio di rigore

De Sciglio 6.5 – Si alterna con Honda nelle incursioni sulla destra. Cerca sempre il cross e dalle sue parti nascono gli spunti migliori

Romagnoli 6 – Partita ordinata e attenta, senza sbavature. Insieme a Zapata non corre mai pericoli concreti.

Zapata 6 – Non ha molto lavoro da svolgere, ma è sicuro e preciso quando chiamato in causa.

Honda 6 – All’inizio stenta, non partecipando a dovere alla manovra. Delizioso assist per l’occasione d’oro sciupata da Balotelli. Migliora col passare del tempo. Gioca molti palloni sulla fascia.

Boateng 5.5 – Soffre quando confinato sulla fascia, cercando solo gli appoggi dietro. Meglio quando si accentra alle spalle di Balotelli (dall’84’ Kucka).

José Mauri 5.5 – Dimostra poca personalità e non incide sulla gara. Poteva essere una buona chance per mettersi in mostra, ma la sua prestazione è incolore (dal 63′ Montolivo).

Poli 6 – Detta bene i tempi e gioca molti palloni. Si divora però una grandissima chance, mentre nel secondo tempo gli viene annullato un gol per fuorigioco di Niang.

Balotelli 6 –  Tenta subito qualche giocata, spesso con troppa sufficienza, come quando sbaglia un clamoroso rigore in movimento. Si rifà poco dopo realizzando il penalty: un gol che si spera gli ridia fiducia (dal 71′ Niang).

Luiz Adriano 5 – Troppo schiacciato dalla retroguardia dell’Alessandria, fatica a smarcarsi e trovare la profondità. Non si ricordano azioni degne di nota.

Montolivo (dal 63′) 5.5 – Trenta minuti senza senza infamia e senza lode.

Niang (dal 71′) 6 – Colpisce il palo sul finire del match.

Kucka (dall’84’) sv

All. Mihajlovic 6 – Giusto per la vittoria. La formazione è sperimentale e certo non brilla, anzi: il tecnico rossonero non ottiene dalle seconde linee le conferme che cercava, e la sua agitazione in panchina parla per lui.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy