L’AVVERSARIO – A San Siro riecco Cerci, ex in cerca di rivalsa

L’AVVERSARIO – A San Siro riecco Cerci, ex in cerca di rivalsa

L’AVVERSARIO – A San Siro riecco Cerci, l’ex in cerca di rivalsa

CERCI

Genoa, obiettivo salvezza. Dopo il prezioso pari interno con la Lazio, la squadra di Gasperini si prepara ad affrontare il Milan a San Siro con la voglia d’impresa. Certo, sulla carta parliamo di un’impresa proibitiva: tante, troppe le assenze illustri, su tutte quella del bomber Pavoletti. Ma il tecnico genoano studia le soluzioni tattiche e si prepara a sganciare l’asso nella manica: l’impiego di Alessio Cerci come falso nueve.

LA FAME DELL’EX – Già: Cerci, chi si rivede. Gli ex, si sa, non sono mai tutti uguali. C’è chi cova soprattutto nostalgia, chi rimpianto, chi rabbia o addirittura un grido di vendetta. In lui si agiterà, ci scommettiamo, il bruciante desiderio di togliersi qualche sassolino… dallo scarpino. “Un errore andare al Milan”: queste le parole con cui Cerci si è presentato al club di Preziosi. La quasi totalità dei milanisti, per una volta, è stata con lui…

FISCHI A SAN SIRO – Del resto, della sua avventura sotto l’ombra del Duomo oggi rimane ben poco. Dopo tanto peregrinare, nel gennaio 2015 arriva al Milan in prestito dall’Atletico Madrid. Insoddisfatto dei sei mesi passati in Spagna, vuole giocare di più. Al Milan, però, non trova quello che cerca. 33 presenze e 1 solo gol, troppo poco per lasciare un segno indelebile. Tanto che a gennaio scorso l’attaccante fa di nuovo le valigie e migra verso la terra ligure, le orecchie ancora cariche dei fischi di San Siro. Irreparabile la frattura con l’ambiente rossonero: eloquente in tal senso, la scelta di sparire dai social network per non beccarsi più insulti.

IN CERCA DELLA SVOLTA  – Con la sua nuova maglia, Cerci esordisce nel pareggio per 1-1 sul campo del Verona, subentrando – buffa la vita – a Suso, altro rossonero che come lui ha scelto Genova per rilanciarsi. Finora l’attaccante originario di Velletri non è ancora riuscito a mettersi in luce con i rossoblù: aspetta la svolta. Il sogno proibito è che avvenga domenica a San Siro: il 14 febbraio, festa degli innamorati. Un giorno in cui gli ex, si sa, si scoprono doppiamente furiosi…

La fame è tanta. La rabbia, pure. Guardati alle spalle, Milan: falso nueve o meno, Cerci è un ex che medita vendetta.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy